occhiL’orzaiolo è un’infezione batterica che si manifesta con infiammazione delle ghiandole sebacee che si trovano sulle palpebre e può essere esterno se colpisce la  ghiandola di Zeis o interno alla palpebra quando colpisce una ghiandola di Meibomio.

Sintomi dell’orzaiolo

L’orzaiolo si presenta come un rigonfiamento nella palpebra, accompagnato da fastidio e dolore all’occhio; nei casi più gravi si può avere un’alterazione della temperatura corporea.

Si può riconoscere di soffrire di orzaiolo quando si sente una sensazione di corpo estraneo e pesantezza nella regione della palpebra. In seguito si associa prurito e dolore e infine arrossamento e gonfiore della palpebra stessa. Alla fine compare sulla palpebra una specie di brufolo doloroso al tatto.

Tipi di orzaiolo

orzaiolo esterno
ORZAIOLO ESTERNO – quando viene coinvolta una ghiandola di Zeiss (tipo di ghiandola che produce grasso, associata alle ciglia)  l’orzaiolo appare esternamente.
orzaiolo interno
ORZAIOLO INTERNO – quando viene coinvolta una ghiandola di Meibomio (un altro tipo di ghiandola che produce la componente limpida delle lacrime) si forma l’orzaiolo sul bordo interno della palpebra.

 

 

Cause dell’orzaiolo

L’infezione, di solito causata da stafilococco, può derivare dall’aver toccato gli occhi con mani sporche, dall’utilizzo di cosmetici contaminati o dalla scarsa igiene oculare (non struccandosi quotidianamente).

Soffrire di blefarite inoltre è una condizione predisponente ad orzaiolo ricorrente, come pure un abbassamento delle difese immunitarie.

PSICOSOMATICA Per la medicina psicosomatica i disturbi oculari indicano in generale che la persona non vuole o non riesce a guardare un conflitto che ha "davanti agli occhi": le manifestazioni infiammatorie oculari improvvise e spesso recidivanti, tipo orzaiolo o calazio o congiuntivite, che provocano dolore e la necessità di chiudere gli occhi rappresentano una situazione conflittuale che genera rabbia e frustrazione, che si vede ma non si vuole affrontare.

Rimedi naturali in caso di orzaiolo

L’orzaiolo è un disturbo benigno destinato a guarire nell’arco di pochi giorni, a volte anche senza la necessità di particolari cure. Bisogna comunque prestare attenzione perché può evolvere in una complicanza: il calazio (una cisti).

Una dieta leggera e povera di zuccheri e cereali raffinati aiuterà il sistema immunitario a lavorare meglio.

Vediamo quali possono essere i rimedi naturali.

Foglie di cavolo

cavolo
CAVOLO – Scaldare a vapore foglie di cavolo, finché non si sono ammorbidite (non cuocerle del tutto) lasciarle intiepidire e applicarle sugli occhi.

Impacco caldo con infuso di camomilla e timo

camomilla
CAMOMILLA – Preparare un infuso con acqua distillata e camomilla (o camomilla e timo o malva o calendula o camomilla e eufrasia), immergere una garza di cotone sterile nell’infuso e applicare agli occhi per 10 minuti. Ripetere anche ogni 2 ore.

Applicazione di olio extravergine di oliva

olio oliva
OLIO E.V. DI OLIVA – Miscelare una parte di acqua calda con una parte di olio. Applicare l’emulsione con una garza sterile oppure con un bastoncino di cotone stando attenti a non inserire nella parte interna dell’occhio. Chiudere gli occhi e lasciare assorbire. Ripetere 2-3 volte al giorno.

Applicazione di olio di neem

OLIO NEEEM
OLIO DI NEEM – Con lo stesso procedimento dell’olio di oliva è possibile utilizzare l’olio di neem, che ha notevoli proprietà antibatteriche. Il neem, il suo nome botanico è Azadirachta indica, vanta numerose proprietà medicamentose tanto che in India lo chiamano “la farmacia del villaggio”. Per secoli gli indiani sono ricorsi a questa pianta per curare dolore, febbre e infezioni. All’inizio di ogni anno molti indù ne mangiano qualche foglia. Inoltre si puliscono i denti con i suoi rametti, curano i disturbi della pelle con il succo ricavato dalle foglie e ne bevono l’infuso come tonico.

Argento colloidale

argento colloidale
ARGENTO COLLOIDALE – Puro, utilizzato al posto del collirio, è considerato il più potente antibiotico naturale a largo spettro, sicuro ed efficace, con molteplici proprietà benefiche. È antibiotico, antibatterico, antifungino, antinfiammatorio, antiparassitario, decongestionante delle mucose.
Prodotti utili
Olio di neem
Visiodoron Malva
https://i0.wp.com/blog.bimbonaturale.org/wp-content/uploads/2015/05/occhi.jpg?fit=640%2C426&ssl=1https://i0.wp.com/blog.bimbonaturale.org/wp-content/uploads/2015/05/occhi.jpg?resize=150%2C150&ssl=1Redazione BimbonaturaleUncategorizedrimedi naturaliL'orzaiolo è un'infezione batterica che si manifesta con infiammazione delle ghiandole sebacee che si trovano sulle palpebre e può essere esterno se colpisce la  ghiandola di Zeis o interno alla palpebra quando colpisce una ghiandola di Meibomio. Sintomi dell'orzaiolo L'orzaiolo si presenta come un rigonfiamento nella palpebra, accompagnato da fastidio e dolore all'occhio; nei...