In vacanza al mare o in montagna, soprattutto in estate, possono capitare eventi meteorologici estremi e improvvisi, come forti temporali e grandinate.

Sebbene essere colpiti da un fulmine non sia un evento comune, i fulmini sono comunque la seconda causa di decesso dovuta a eventi naturali: sono circa 1000 le morti nel mondo causate da fulmini.

fulmine fulmini temporale
LE ZONE PIÙ A RISCHIO – Tra le zone più a rischio troviamo la montagna, ma lo sono tutti i luoghi esposti, come campi e boschi, soprattutto in presenza di acqua, per esempio spiagge, pontili, piscine. Le città non sono però esenti da questi fenomeni, basti pensare ai fulmini che hanno colpito 11 persone, di cui 8 bambini, in pieno centro a Parigi questo maggio e le 35 colpite, nello stesso periodo, a  Hoppstadten, in Germania, durante una partita di calcio.

Cos’è il fulmine

Il fulmine è un fenomeno naturale che avviene nell’atmosfera a causa dello scontro fra diversi corpi, per esempio tra nubi, che hanno una forte differenza di potenziale elettrico: lo scontro provoca una forte scarica elettrica, il cosiddetto fulmine, che siamo abituati a osservare sotto forma di bagliore improvviso (il lampo) a cui segue un forte rumore (tuono).

Il fulmine può essere:

  • Nube-suolo (discendente o ascendente, dalla nube verso terra o viceversa)
  • Nube-nube (internube, scontro di due nubi)
  • Intranube (all’interno di una stessa nube)
  • Nube-cielo (nell’alta atmosfera)
  • Palla di fuoco o Fuoco di S. Elmo, estremamente rari
fulmini temporale
IL FULMINE – Anche se si accompagna in genere ai temporali, può capitare che ci siano fulmini senza temporale, che sono particolarmente pericolosi, anche se rari, perché arrivano senza preavviso. Il calore sprigionato da un solo fulmine è eccezionale: può raggiungere i 33.000°C, con effetti incredibili, come fondere i metalli e ridurre il legno in segatura.

Come difendersi dai fulmini

La prima cosa da fare è sicuramente la prevenzione: se sappiamo che sono previsti temporali evitiamo di pianificare attività all’aperto, come gite in montagna e bagni in piscina. Può capitare, comunque di essere colti alla sprovvista: il temporale non arriva senza preavviso, quando si comincia a vedere i lampi il temporale è ancora lontano, se si comincia a sentire i tuoni significa che il temporale è vicino: cercare di rientrare al coperto il prima possibile.

proteggersi da temporali e fulmini bimbonaturale.org

Ecco cosa fare se si viene colti all’aperto da un temporale improvviso:

  • Stare lontani da oggetti alti e sporgenti, come pali, tralicci, ombrelloni, pali delle navi e alberi di alto fusto: sono i primi ad essere colpiti dai fulmini.
  • Evitare il contatto con oggetti buoni conduttori di elettricità, come l’acqua (stare a distanza da piscine, lago o mare)
  • Togliersi oggetti di metallo, come anelli, collane e orologi.
  • Evitare qualsiasi contatto con materiali metallici (per esempio la struttura della tenda da campeggio o la bicicletta)
  • Tra il riparo sotto un albero e il campo aperto, meglio il secondo: accovacciarsi a piedi uniti, con la testa tra le ginocchia, ma senza sdraiarsi o sedersi a terra.
  • Isolarsi dal terreno con qualsiasi materiale isolante a disposizione (esempio zaino o scarpe di gomma)
  • Stare a distanza dalle altre persone (almeno 10 metri).
  • Se sei vicino ala tua automobile, cerca riparo all’interno, tenendo portiere e finestrini chiusi.
  • Se si è al coperto, evitare di farsi la doccia o lavare i piatti, di utilizzare apparecchiature connesse alla rete elettrica, staccare le spina degli elettrodomestici e tenersi a distanza da pareti, porte e finestre.

Dopo che il temporale è passato, aspettate ancora qualche minuto prima di riprendere le vostre attività: non bisogna sottovalutare il pericolo dei fulmini a distanza.

Temporali e tornado
I più grandi eventi meteorologici della storia
https://i0.wp.com/blog.bimbonaturale.org/wp-content/uploads/2016/07/fulmine-fulmini-temporale.jpg?fit=960%2C639&ssl=1https://i0.wp.com/blog.bimbonaturale.org/wp-content/uploads/2016/07/fulmine-fulmini-temporale.jpg?resize=150%2C150&ssl=1Redazione BimbonaturaleSliderStudi e notizieinfanziaIn vacanza al mare o in montagna, soprattutto in estate, possono capitare eventi meteorologici estremi e improvvisi, come forti temporali e grandinate. Sebbene essere colpiti da un fulmine non sia un evento comune, i fulmini sono comunque la seconda causa di decesso dovuta a eventi naturali: sono circa 1000 le morti...