fienoQuando si gira per le campagne è bellissimo vedere le palle di fieno sistemate ordinatamente qua e là. Sappiamo che il fieno diventa nutrimento per animali, ma forse pochi conoscono le sue proprietà: il fieno è antisettico, astringente, risolutivo, calma i dolori reumatici.

Si usa contro i sudori, nelle piaghe dei piedi, nelle contusioni di ogni specie, nell’artrite dei piedi, negli indurimenti e nodosità, nella putrefazione delle dita, nelle unghie incarnite, facendo un pediluvio tiepido di 20-25 minuti e poi lavando i piedi rapidamente con acqua fredda, in seguito tenere al caldo.

Come utilizzare il fieno a scopo curativo

Bagno di fieno

Aumenta il metabolismo, stimola la sudorazione, mette in movimento le difese dell’organismo. Indicato per le patologie febbrili di adulti e bambini, sinusiti, sui bambini nervosi e inquieti può avere effetti calmanti e tranquillanti, soprattutto se praticato prima di andare a letto.

Da unire in questi ultimi casi al bagno di sovra riscaldamento, che si esegue (secondo Schlenz che ha dimostrato l’efficacia di queste terapie di sostegno per stimolare l’autodifesa dell’organismo) riscaldando l’acqua del bagno alla temperatura corporea del bambino, il bambino poi in posizione supina viene immerso nell’acqua molto lentamente e progressivamente fino a lasciare scoperti solo bocca e naso.

Nei successivi 30 minuti la temperatura viene aumentata progressivamente di 1 grado, un grado e mezzo aggiungendo acqua più calda dalla parte dei piedi. Attraverso l’aumento della temperatura si provoca una “febbre artificiale”: si spazzola dunque il bambino, sott’acqua, con una spazzola morbida o un panno di spugna grossa. Ogni tanto mettere il bambino a sedere.

E’ necessario che il bambino durante questo bagno possa bere durante le pause in cui è seduto. Alla fine del bagno (si può arrivare fino a 30 minuti, come detto) si fa sedere il bambino, lo si fa poi alzare lentamente, avvolto in un accappatoio ben caldo e adagiato in un letto caldo. Si continua anche la somministrazione di liquidi, meglio se infuso di rosa canina, tiglio e malva aggiungendo succo di lime e miele.

A questo bagno si aggiunge il fieno con questa preparazione: versare una manciata di fieno in 1 litro di acqua fredda, portare a ebollizione, lasciare in infusione 30 minuti, filtrare e aggiungere l’infuso all’acqua del bagno.

Impacchi caldi di fieno

Oltre ai bagni di fieno, sono utili anche gli impacchi caldi di fiori di fieno. Con i fiori vengono riempiti dei sacchetti che, una volta riscaldati a vapore, vengono applicati in varie zone del corpo: dalla zona cervicale a quella renale, dalle spalle alle ginocchia, dal fegato all’addome. Bisogna evitare che i fiori di fieno svolgano un´azione troppo blanda perché poco riscaldati ma anche che non siano troppo caldi, onde evitare un´ustione.

Il sacchetto ben caldo va avvolto in un asciugamano e pian piano appoggiato nel punto stabilito.  Quando il calore diventa sopportabile l´impacco va avvolto ben stretto con un asciugamano e una coperta.

Cuscino al fieno

Se soffrite di insonnia o di cefalea potete prepararvi un cuscino al fieno. Procuratevi 3 etti di fieno morbido e riempite con questo composto un sacchetto, infilandolo tra la federa e il cuscino.

Dormendo, il calore del vostro corpo riscalderà il cuscino ripieno e voi respirerete gli effluvi che il fieno libererà.

Clistere al fieno

A volte risulta difficile bere gli infusi, soprattutto se il sapore delle erbe non è gradevole. Il clistere è un ottimo modo per assorbire le proprietà delle erbe senza doverle bere. Inoltre le ricerche hanno dimostrato come il più ampio sistema difensivo dell’organismo si trovi proprio nell’intestino: esso è la sede più estesa del nostro sistema immunitario. Il clistere si rivela dunque uno dei più efficaci strumenti di ben-essere, sia per gli adulti sia per i bambini.

Nell’enteroclisma si usa l’infuso di erba filtrato e unito, se necessario ad altra acqua. Si utilizza tiepido, a temperatura corporea (tra 37 e 42 gradi) Per i bambini circa 1/2 litro, per un adulto tra 1 lt e 1/2 e i 2 litri.

Leggi il nostro speciale su come fare un clistere

https://i1.wp.com/blog.bimbonaturale.org/wp-content/uploads/2015/07/fieno.jpg?fit=240%2C180https://i1.wp.com/blog.bimbonaturale.org/wp-content/uploads/2015/07/fieno.jpg?resize=150%2C150Redazione BimbonaturaleGli indispensabiliSlidernaturopatia,rimedi naturaliQuando si gira per le campagne è bellissimo vedere le palle di fieno sistemate ordinatamente qua e là. Sappiamo che il fieno diventa nutrimento per animali, ma forse pochi conoscono le sue proprietà: il fieno è antisettico, astringente, risolutivo, calma i dolori reumatici. Si usa contro i sudori, nelle piaghe dei piedi,...