La sindrome premestruale colpisce la maggior parte delle donne in età fertile e consiste in una serie di disturbi, di varia entità, che possono essere anche molto fastidiosi.

Cerchiamo di capire cos’è la sindrome premestruale e come conviverci serenamente utilizzando semplici rimedi naturali.

Cos’è la sindrome premestruale

Per sindrome premestruale si intende una particolare sintomatologia, fisica e mentale, che si riscontra nella maggioranza delle donne nei giorni immediatamente precedenti l’arrivo del ciclo mestruale.

Circa il 75% delle donne presenta sintomi premestruali minori o isolati, dal 20 al 50% manifesta una sindrome premestruale vera e propria e dal 5 al 15% una sindrome premestruale grave.

Dal 3 al5% delle donne manifesta un Disturbo Disforico Premestruale, cioè una sindrome premestruale così accentuata da rendere impossibili le normali attività quotidiane, sociali e lavorative. 

donna
I DISTURBI DELLA SINDROME PREMESTRUALE – Tra i problemi principali che le donne riscontrano prima del ciclo mestruale possiamo riscontrare: gonfiore, mal di pancia, acne e pelle impura e spenta, costipazione o diarrea, dolori muscolari e alla schiena, aumento di peso, mal di testa, voglia di cibi particolari (soprattutto dolci) ma anche irritabilità, stanchezza, diminuzione della libido, difficoltà di concentrazione, mancanza di sopportazione e in alcuni casi depressione.

 

donna2
LE CAUSE DELLA SINDROME PREMESTRUALE – La sindrome premestruale è dovuta agli sbalzi ormonali che intervengono nell’organismo femminile in questa fase del ciclo, che per alcune donne possono passare inosservati, per altre causare piccoli e sopportabili malesseri, per altre ancora scatenare reazioni anche molto pesanti. Le donne che soffrono di sindrome premestruale subiscono un calo organico di vitamina B6, responsabile della formazione di serotonina, l’ormone del buonumore, provocando stati di nervosismo fino ad arrivare a vera e propria depressione.

La sindrome premestruale secondo la psicosomatica

Gli ultimi studi, tra cui quello condotto dalla psicologa Robyn Stein Deluca, sembrerebbero mettere in discussione l’effettiva esistenza di questa sindrome, che parrebbe colpire solo le donne occidentali, con un evidente aumento negli ultimi 20 anni.

La sindrome premestruale potrebbe allora avere connessioni sia con il tipo di dieta occidentale, ma anche con lo stile di vita delle donne, che soprattutto negli ultimi vent’anni, alla ricerca della sacrosanta parità, sono state costrette a lasciare in disparte il proprio ciclo naturale.

Le donne di oggi vivono una vita frenetica, senza pause, senza la possibilità di riconoscere la propria essenza ciclica e lunare, caratterizzata da sbalzi d’umore e emotività.

La donna che si avvicina sempre più al maschile, tralasciando il femminile, porta il proprio organismo a chiedere una pausa dai ritmi troppo frenetici e della propria tendenza a trascurarsi e a trascurare la propria femminilità chiudendosi nel flusso degli impegni.

donna
LA DONNA E LA SUA CICLICITÀ NATURALE – Dominato dalla Luna, l’universo femminile si distingue per il potere che gli deriva dal ciclo mestruale che, lontano dall’essere solamente un fenomeno fisico, rappresenta una fonte di immensa energia che ogni donna può imparare a controllare e liberare.  Miranda Grey, nel suo “La luna rossa”, spiega alle donne quanto ricca e meravigliosa sia la loro natura e le libera dai sensi di colpa e dal sentimento di inadeguatezza.

 

uomo
LA SINDROME PREMESTRUALE NELL’UOMO – La sindrome premestruale potrebbe colpire anche l’uomo: la “Irritable Male Syndrome” o “Sindrome dell’uomo irritabile” , secondo Peter Schlegel, presidente del dipartimento di Urologia presso la New York Presbyterian and Weill Cornell Medicine, dipenderebbe da repentini e improvvisi cambi del livello di testosterono e provocherebbe irritabilità, stanchezza, fame e particolare sensibilità ed emotività.

La dieta per combattere la sindrome premestruale

Gli alimenti vietati

alcol
ALCOLICI, CAFFÈ E ALIMENTI ZUCCHERINI – Alcuni cibi e bevande  dovrebbero essere evitati nella seconda metà del ciclo, per esempio: caffè, tè, coca cola, superalcolici, alimenti ricchi di zuccheri semplici.  Tè, caffè, cioccolato e cola contengono metilxantine che peggiorano i sintomi premestruali.

 

sale
SALE – Il sale andrebbe usato in modiche quantità, cercando di bere ogni giorno almeno 2 litri di acqua naturale.

 

Gli alimenti consigliati

miele cucchiaio
ACQUA E MIELE OGNI MATTINA – Un bicchiere di acqua o tisana con un cucchiaio di miele di acacia, la mattina a digiuno, è in grado di mettere in moto l’intestino, che durante il periodo premestruale è rallentato. In generale bere molto, acqua o infusi senza zucchero, favorisce il drenaggio dei liquidi in eccesso, permettendo di alleviare il senso di gonfiore tipico di questo periodo.
banane banana
BANANA A COLAZIONE – Per cominciare la giornata mangiate una banana: contiene magnesio, che calma la percezione del dolore, vitamina B6 e potassio, che aiuta i muscoli a rilassarsi, evitando i crampi.

 

soia
SOIA – La soia è un alimento molto indicato per la seconda metà del ciclo mestruale, perché ricca di fitoestrogeni, sostanze naturali molto simili agli estrogeni della donna che favoriscono il riequilibrarsi del rapporto estrogeni-progesterone.

 

semi lino
LINO E SEMI OLEOSI – Gli omega-3 sono inibitori delle prostaglandine, che aiutano a diminuire il dolore dovuto alle contrazioni muscolari. Consigliati semi di lino, mandorle, noci, anacardi, semi di zucca e girasole.
broccoli
PIÙ CALCIO NELLA DIETA – Calcio e magnesio  sono importantissimi per alleviare la sindrome premestruale. Tra gli alimenti ricchi di calcio, oltre a latte e latticini, ricordiamo Cavolo, broccoli e cavolo cinese. Ma anche pesce e cereali integrali. Il magnesio è contenuto in grande quantità nelle mandorle.

 

verdure
FERRO ED OLIGOELEMENTI – La vitamina C e il ferro, soprattutto, sono indispensabili per reintegrare le riserve dovute alle perdite del ciclo mestruale, la carenza di ferro è tra i responsabili di stanchezza, astenia e mal di testa.

I rimedi naturali contro la sindrome premestruale

integratori alimentari
INTEGRATORI ALIMENTARI CONSIGLIATI: MAGNESIO, CALCIO, VITAMINE DEL GRUPPO B – Pare che la somministrazione prolungata di magnesio sia benefico per il mal di testa, la tensione mammaria e i crampi che si presentano in corrispondenza delle mestruazioni. Secondo una ricerca sulla sindrome premestruale condotta presso la University of Texas (Stati Uniti) e pubblicata su Journal of Psychiatric Practice, il calcio è risultato uno tra gli integratori più utili a ridurre la sindrome premestruale.  Le vitamine del gruppo B aiutano la sindrome premestruale perché facilitano i meccanismi che portano alla sintesi della serotonina, in particolare la vitamina B3 e B6.

 

AGNOCASTO – L’agnocasto contiene principi attivi che vanno ad agire sulla dopamina limitando l’aumento di appetito e migliorando l’umore. L’agnocasto è una pianta i cui frutti sono ricchi di fitoestrogeni: aiuta a ridurre il gonfiore addominale, i dolori muscolari ed in genere quasi tutti i sintomi della sindrome premestruale. Tutto ciò sembra sia giustificato dal fatto che essi intervengono nel processo di regolazione della dopamina, un neurotrasmettitore che inibisce la sintesi di prolattina e che aumenta la sensazione di piacere.

 

angelica sinensis radice
ANGELICA SINENSIS- L’estratto della radice di angelica sinensis è ricco di fitoestrogeni, la cui azione si esplica sui muscoli della parete uterina favorendone il rilassamento. Sconsigliato il suo uso durante il flusso mestruale ed in concomitanza ad una terapia a base di anticoagulanti.

 

rhodiola-rosea
RHODIOLA ROSEA – La Rhodiola rosea è una pianta adattogena:  attenua gli stati di ansia e di stress, contribuisce al controllo del peso corporeo, migliora l’umore e regola la secrezione ormonale. Leggi Rhodiola rosea: proprietà, uso e controindicazioni.

 

dioscorea villosa
DIOSCOREA VILLOSA – L’igname selvatico, il cui nome botanico è Dioscorea villosa, conosciuto anche col nome di Wild Yam, era conosciuto già ai tempi dei Maya e degli Aztechi come pianta medicinale dall’azione analgesica, soprattutto per i dolori ovulatori, mestruali e del parto.

Dolori mestruali e sindrome premestruale, rimedi naturali

Libri consigliati
Curarsi con gli Ormoni Naturali e Bioidentici
La terapia ormonale che riequilibra la salute senza effetti collaterali
Questione di ormoni
Ritrova te stessa e l'equilibrio del tuo corpo con un metodo naturale su misura per te
La luna rossa
Capire e usare i doni del ciclo mestruale
La sindrome premestruale
Come liberarsene per sempre
Gli ormoni sessuali e la dieta
La dieta ormonale
Linea, salute, umore, longevità, bellezza: ritrovare l'equilibrio con un metodo naturale
Prodotti utili
Rhodiola rosea
Agnocasto 1000mg x 180 compresse
Wild Yam
Artemisia estratto idroalcolico
Trifoglio rosso bio
Spring Lady
Contrasta i disturbi del ciclo mestruale e della menopausa
https://i0.wp.com/blog.bimbonaturale.org/wp-content/uploads/2016/01/donna.jpg?fit=960%2C643https://i0.wp.com/blog.bimbonaturale.org/wp-content/uploads/2016/01/donna.jpg?resize=150%2C150Redazione BimbonaturaleRimedi naturaliSliderdonna,naturopatia,psicosomatica,rimedi naturaliLa sindrome premestruale colpisce la maggior parte delle donne in età fertile e consiste in una serie di disturbi, di varia entità, che possono essere anche molto fastidiosi. Cerchiamo di capire cos'è la sindrome premestruale e come conviverci serenamente utilizzando semplici rimedi naturali. Cos'è la sindrome premestruale Per sindrome premestruale si intende...