L’idratazione del neonato viene garantita dal latte materno e, per il bambino piccolo, la cosa migliore sarebbe bere acqua naturale e leggera.

SUCCHI DI FRUTTA NELLA DIETA DEL BAMBINO – Un consumo eccessivo di succhi, anche quelli al 100% di frutta, che non contengono conservanti, zuccheri aggiunti e aromi, è correlato a sovrappeso, obesità e carie. Questo il risultato delle indagini condotte dall’American Academy of Pediatrics (Aap).

Neonati e bambini piccoli possono assumere succhi di frutta?

La raccomandazione dei pediatri è di non introdurre queste bibite fino ad un anno di età e, in seguito, preferire al succo di frutta la frutta fresca, il cui apporto nutrizionale non è lo stesso di quello dei succhi e delle bevande a base di frutta.

Solo se assunti nei modi e nelle quantità adeguate i succhi di frutta possono costituire parte di una dieta bilanciata.

MEGLIO IL LATTE MATERNO – L’allattamento al seno dovrebbe costituire l’unica fonte di alimentazione nei bebè fino circa a sei mesi. Dai 6 mesi a 1 anno il consumo di succhi è comunque sconsigliato. Da 1 a 3 anni si dovrebbe comunque prediligere la frutta fresca e l’assunzione di succo (100% frutta) non dovrebbe superare i 110 ml al giorno (metà bicchiere). Dai 4 ai 6 anni la quota ideale è tra i 110 e i 170 ml circa (un bicchiere medio scarso), mentre dai 7 ai 18 anni non più di 225 ml, (un bicchiere circa).  

Il succo di frutta ha lo stesso apporto nutrizionale del frutto fresco?

SUCCO O FRUTTA FRESCA? – Mangiare un frutto fresco o bere il suo succo non è uguale da un punto di vista nutrizionale: nel succo si perde quasi completamente la fibra e gli zuccheri sono più concentrati. Attenzione perché non tutte le bevande a base di frutta sono uguali: i succhi di frutta dovrebbero essere un prodotto ottenuto dalla frutta fresca, dunque al 100% senza zuccheri aggiunti, conservanti e aromi. I nettari di frutta, invece,  sono bevande a base di succo e purea a cui viene aggiunta acqua ed eventualmente zucchero. La maggior parte dei “succhi” che si trovano in commercio in realtà sono bevande alla frutta, che non sono al 100% frutta, ma hanno una piccola percentuale di succo concentrato diluito in acqua e zuccherato.

Succhi di frutta e zuccheri liberi

Anche considerando il puro succo di frutta (100% succo di frutta, senza nessuna aggiunta) sappiamo che vi sono comunque i cosiddetti zuccheri liberi, come glucosio e fruttosio naturalmente presenti nella frutta.

Gli zuccheri assunti con l’alimentazione non dovrebbe superare il 10% dell’apporto energetico quotidiano, meglio ancora se si riesce a contenerli al 5%. Questa percentuale include tutti gli zuccheri e non soltanto quelli liberi assunti tramite i succhi di frutta: per queste ragioni è importante limitare queste bibite”.

ASSOCIAZIONE TRA SOVRAPPESO E CONSUMO DI SUCCHI E BEVANDE ALLA FRUTTA – Uno studio pubblicato su Pediatrics dimostra l’associazione fra il consumo quotidiano di più di circa due bicchieri di succo e l’obesità. Anche se gli studi non sono univoci, perché non fanno differenza tra bevande, nettari e succhi di frutta 100%, sappiamo comunque che è meglio limitarne il consumo. 
https://i0.wp.com/blog.bimbonaturale.org/wp-content/uploads/2017/06/succo-frutta-spremuta-arancia.jpg?fit=960%2C640https://i0.wp.com/blog.bimbonaturale.org/wp-content/uploads/2017/06/succo-frutta-spremuta-arancia.jpg?resize=150%2C150Serena RocchiStudi e notizieUncategorizedalimentazione,neonatoL'idratazione del neonato viene garantita dal latte materno e, per il bambino piccolo, la cosa migliore sarebbe bere acqua naturale e leggera. Neonati e bambini piccoli possono assumere succhi di frutta? La raccomandazione dei pediatri è di non introdurre queste bibite fino ad un anno di età e, in seguito, preferire...