In natura di incontra spesso il fenomeno della “chelazione”, quando metalli inorganici formano complessi con la materia organica.

Il termine “chelazione” significa “legare, combinare”. Così come le chele di un granchio, i prodotti chelanti si agganciano ai metalli tossici e li “accompagnano” fuori dall’organismo. La chelazione naturale si avvale di elementi presenti in natura che sono appunto in grado di legarsi ai metalli tossici per eliminarli dall’organismo.

I METALLI PESANTI, COSA SONO E PERCHÉ FANNO MALE – I metalli pesanti, a causa dell’inquinamento, dell’alimentazione e dell’uso di farmaci e prodotti chimici, sono presenti nei nostri organismi in quantità decisamente maggiori rispetto a qualche decennio fa, per esempio la quantità di piombo contenuto nel nostro corpo è circa 500 volte superiore rispetto a quella presente 100 anni fa. I metalli pesanti possono entrare nel nostro corpo ogni volta che respiriamo, mangiamo e beviamo, attraverso cibo, igiene personale, medicinali, vaccini, aria, acqua. Secondo i calcoli nel corso della nostra vita ingeriamo 1/3 di cucchiaino di mercurio, 1 cucchiaino di piombo, 1 di arsenico, 1,5 kg di alluminio.  Scopri di più I metalli pesanti, gli effetti sull’organismo, dove si trovano e come rilevare la loro quantità.

La terapia chelante

La terapia chelante è una terapia farmacologica, utilizzata ormai da decenni, che sfrutta la chelazione per curare alcune forme di intossicazione dovuta a metalli pesanti. Una volta chelato, il metallo perde la sua tossicità all’interno dell’organismo e può essere eliminato più facilmente. I composti chelanti più comunemente usati in medicina sono l’Acido etilendiamminotetracetico (EDTA)il Dimercaptopropanolo (dimercaprolo) e l’ Acido dimercaptosuccinico (DMSA).
Questo tipo di terapia chelante, che si somministra per via endovenosa, a meno che in caso di intossicazioni acute non è però consigliabile, in quanto, oltre ad essere una pratica invasiva, ha effetti collaterali, a volte anche gravi: una disintossicazione troppo intensa e rapida può peggiorare la situazione in chi non ha gli organi di eliminazione (fegato e reni) in ottime condizioni, oltre al fatto che gli agenti chelanti così forti si legano a tutti i metalli del corpo depauperandolo anche dei metalli indispensabili alla vita e degli oligoelementi.
Siccome l’intossicazione dell’organismo avviene un poco ogni giorno, così è bene periodicamente, almeno ad ogni cambio di stagione, provvedere a una disintossicazione attraverso la chelazione naturale.

La chelazione naturale

Esistono in natura prodotti chelanti che possono essere utilizzati, per via orale, in tutta tranquillità e per periodi più o meno lunghi.
Insieme all’uso dei prodotti chelanti è bene anche sostenere gli organi deputati all’eliminazione delle scorie attraverso:
  • Eliminazione di sostanze tossiche (fumo, alcool ecc.)
  • Assunzione di molta acqua, leggera e non gasata
  • Integratori alimentari, per esempio vitamina C e selenio
  • Bagni e Dieta Alcalini
  • Rimozione di otturazioni di amalgama (solo da dentisti specializzati)
  • Idro-Colon-Terapia
  • Ozonoterapia
  • Sonno e riposo regolari
  • Attività fisica: col movimento il corpo è stimolato a buttare fuori tutte le scorie depositate, grazie alla stimolazione dell sistema linfatico e attraverso la sudorazione e respirazione. 

I prodotti naturali con proprietà chelanti

ZEOLITE – La zeolite è un minerale di origine vulcanica, con una struttura cristallina composta da minuscoli canali diretti in tutte le direzioni che hanno una carica negativa e quindi consente l’assorbimento di numerose tossine. La zeolite non viene assorbita dall’apparato gastro-intestinale e quindi viene espulsa con le feci insieme a tutte le sostanze nocive che ha legato a sé. Esistono più di 100 tipi diversi di zeolite, la più indicata è la Clinoptilolite, i cui cristalli hanno la struttura lamellare più adatta a questo scopo. Questo minerale è in grado di assorbire sostanze nocive come: metalli pesanti, radionuclidi, sostanze chimiche provenienti dai cibi e dalle medicine, virus, batteri, funghi e loro tossine, tossine fermentative che derivano da una alimentazione scorretta e da una flora batterica in disequilibrio ed eccessi di acidità nell’organismo.  La zeolite è anche in grado di ridurre i radicali liberi in eccesso, responsabili dell’insorgenza o dell’aggravamento di molte malattie come diabete, malattie cardiovascolari, tumori ed invecchiamento precoce. Inoltre la zeolite rilascia nell’organismo oligo-elementi e minerali preziosi. Leggi anche La zeolite, cos’è, quali sono le sue proprietà, come usarla e in quali casi è controindicata

 

MSM – Il metil-sulfonil-metano è una forma organica di zolfo che si trova naturalmente in frutta, verdura (aglio, cipolla e svariate crucifere) e pesce, viene però facilmente distrutto dalla cottura e dalla preparazione dei cibi. L’MSM si lega ai metalli tossici, in particolare a piombo, cadmio e mercurio e ha un ruolo importante nel mantenimento della stabilità e dell’integrità del tessuto connettivo e delle proteine. Lo zolfo è indispensabile per la salute delle articolazioni, dei capelli, della pelle e delle unghie.

 

SILICIO – L’acqua ricca di silicio (es. acqua Fiji, che contiene 83 mg di silicio per litro) elimina efficacemente l’alluminio per via urinaria, senza effetti nocivi sui metalli essenziali come ferro e rame, secondo una ricerca pubblicata nel 2013, che ha dimostrato l’utilità di bere fino ad un litro di acqua minerale ricca di silicio al giorno per 12 settimane.  
AGLIO – L’aglio contiene zolfo e gruppi sulfidrilici che ossidano mercurio, cadmio e piombo rendendoli  solubili in acqua. L’aglio contiene anche il minerale più importante, che protegge dalla tossicità del mercurio, il selenio bioattivo. L’aglio, da assumersi crudo, è anche un potente antimicrobico e antimicotico, efficace contro la Candida albicans e i parassiti.
ARGILLA BENTONITE – Il Canadian Journal of Microbiology ha pubblicato uno studio secondo cui la bentonite si è dimostrata particolarmente utile ad assorbire i virus patogeni, aflatossine, pesticidi ed erbicidi. La bentonite  lega a sé i metalli pesanti grazie al processo di scambio ionico, migliora inoltre la digestione, purifica il colon, rafforza il sistema immunitario, purifica e nutre la pelle. Leggi anche Argilla, proprietà e utilizzi

 

CORIANDOLO – “Questa erba da cucina è in grado di mobilitare mercurio, cadmio, piombo e alluminio tanto nelle ossa che nel sistema nervoso centrale. È probabilmente l’unico agente efficace nel mobilitare il mercurio immagazzinato nello spazio intracellulare (allegato al mitocondri, tubulina, liposomi ecc) e nel nucleo della cellula (invertendo il danno al DNA di mercurio).” Tratto da Dietrich Klinghardt, MD, PhD – Chelazione: Come Rimuovere dal Corpo Mercurio, Piombo e altri metalli. Il Coriandolo è una delle spezie più antiche al mondo ed appartiene alla famiglia delle Umbrelliferae. Uno studio recente ha dimostrato nei test su animali un eliminazione di alluminio dallo scheletro superiore a qualsiasi altro agente disintossicante conosciuto. Il coriandolo induce la colecisti a riversare bile – contenente le neurotossine escrete – nell’intestino tenue. E’ però importante utilizzare insieme un secondo agente chelante, per esempio la zeolite, che possa legare le tossine a sé, altrimenti possono finire per essere riassorbite lungo la strada verso l’intestino tenue dalle terminazioni nervose del sistema nervoso enterico. Si utilizza la tintura madre di coriandolo 40 gocce 2-3 volte al giorno con abbondante acqua. Uso esterno: frizionare 5 gocce di Tintura Madre di Coriandolo due volte al giorno sulle anche e sui polsi. Assumere il coriandolo 30 minuti dopo la zeolite/clorella.

 

CURCUMA – La curcuma viene usata nella medicina ayurvedica da secoli, poiché non è tossica ed ha una varietà di proprietà terapeutiche incluso attività antiossidante, analgesico, antiinfiammatorio e antisettica. “La curcuma stimola la produzione di tre enzimi aril-idrocarburo-idrossilasi, glutatione-S-transferasi, e UDP-glucuronil-transferasi. Questi sono “coltelli” chimici che abbattono le sostanze potenzialmente nocive nel fegato. La curcuma offre una protezione analoga per le persone che stanno assumendo farmaci come il metotressato e altre forme di chemioterapia, che sono metabolizzati da o attraverso il fegato.” James A. Dukes, Ph D., Dr. – Erbe Essenziali. Leggi anche Curcuma: cos’è, come si usa, le sue incredibili proprietà e le possibili controindicazioni

 

ALGA CHLORELLA E SPIRULINA – La chlorella è un’alga conosciuta per le sue proprietà disintossicanti da tutti i metalli tossici e le tossine ambientali. Questo la rende perfetta per affiancare il coriandolo in una cura disintossicante.  La Spirulina è una microalga blu-verde, una delle più antiche forme di vita sulla Terra, che ha contribuito a produrre l’ossigeno nella nostra atmosfera miliardi di anni fa in modo che le altre forme di vita potessero apparire. Ricca di vitamine e microelementi, contiene acido Linoleico, vitamina B 12, acidi grassi insaturi e clorofilla. Già gli Aztechi la consideravano un nutrimento base e un elemento della loro forza: aiuta il metabolismo, incrementa la reattività del sistema immunitario, stimola la flora batterica intestinale, aiuta l’eliminazione dei residui del metabolismo, ha un effetto regolante sulla concentrazione degli zuccheri nel sangue, può avere un effetto sui processi infiammatori cronici, può regolare il livello del colesterolo, aumenta la resistenza contro agenti infettivi e fornisce più forza fisica e mentale.
ACIDO MALICO – L’acido malico, acido di mela o acido fruttico, è uno dei più potenti disintossicanti dall’alluminio. Aiuta a ridurre la tossicità di alluminio per il cervello, e per questo motivo potrebbe essere utilizzato per aiutare nei casi di morbo di Alzheimer. L’acido malico ha dimostrato di aumentare l’escrezione fecale e urinaria di alluminio. Lo si trova in natura, oltre che nella mela, anche nel rabarbaro, vino, aceto di mele, fragola e papaia. Leggi anche Aceto di mele: cos’è, proprietà, usi e controindicazioni

 

OMEGA 3 – Gli omega 3 sono un tipo di acidi grassi polinsaturi, elementi essenziali per il corretto funzionamento del nostro organismo:  ci proteggono dalla possibile insorgenza di malattie cardiovascolari, incidono sulla fluidità e sulla coagulazione del sangue, sull’elasticità delle cellule e abbassano il colesterolo “cattivo”. “L’olio di pesce ha un ruolo importante nel liberare il cervello da sostanze indesiderate: i complessi di acidi grassi EPA e DHA presenti nello olio di pesce rendono i globuli rossi e bianchi più flessibili, migliorando la microcircolazione nel cervello, nel cuore e in altri tessuti. Tutte le funzioni di disintossicazione dipendono dalla somministrazione di ossigeno ottimale per il flusso sanguigno. EPA e DHA proteggono il cervello dalle infezioni virali e sono necessarie per lo sviluppo dell’intelligenza e della vista. L’organello cellulare più vitale per la disintossicazione è il perossisomi. Queste strutture di piccole dimensioni sono anche responsabili del lavoro specifico di ogni cellula. Nella ghiandola pineale la melatonina viene prodotta in perossisomi, in neuroni della dopamina e noradrenalina, ecc. E’ qui che il mercurio ed altri metalli tossici attaccano fino a impedire alle cellule di svolgere il loro lavoro. ” Tratto da Dietrich Klinghardt, MD, PhD – Chelazione: Come Rimuovere dal Corpo Mercurio, Piombo e altri metalli. Leggi anche Omega 3-6-9 cosa sono, quali benefici apportano e dove trovarli

 

Controindicazioni alla chelazione

Nella terapia chelante classica, per via endovenosa sappiamo che l’agente chelante scelto non lega a sé un singolo metallo pesante “tossico”, ma può essere in grado di chelare, in condizioni simili, metalli diversi, non distinguendo tra metalli “utili” e metalli “dannosi”: la chelazione protratta nel tempo, senza esami e controlli, può arrivare a sottrarre al corpo anche le quantità minime di un metallo necessarie per il buon funzionamento dell’organismo.

Questa terapia chelante è un atto medico.

Per quanto riguarda i rimedi naturali, sebbene l’uso per un periodo ristretto di tempo non sia di per sé controindicato, sarebbe opportuno essere seguiti da un medico che possa valutare costantemente lo stato di salute dell’organismo.

Da ricordare:

  • Alga chlorella – Può interferire con i trattamenti fluidificanti del sangue a causa del contenuto di vitamina K1 e ferro.
  • Alga spirulina – Controindicata a chi ha problemi di tipo renale a causa della ricchezza di proteine.
  • Coriandolo – Se usato in dosi eccessive è inebriante e può causare disturbi nervosi e fastidi renali.
Libri consigliati
Disintossicarsi dai Metalli Pesanti
La guida completa per difendersi da un killer silenzioso
La Terapia Chelante
Disintossicarsi dai Metalli Tossici
Vaccini e bambini
Gli effetti dei metalli pesanti sulla salute dei più piccoli
Come difendersi dai metalli pesanti
Di Luca Fortuna
Zeolite - Elkopur 312® + Montmorillonite
Per 30 giorni-Elimina metalli pesanti, radioisotopi, tossine, istamina
Chlorella Bio in Polvere
La Chlorella è una micro-alga unicellulare che contiene la maggior risorsa di clorofilla di tutti i vegetali.
Msm 1000Mg - Metil Sulfonimetano
Con vitamina C
Omega 3 + Olio di KRILL: il più pregiato sul mercato perchè RICCO DI ANTI-OSSIDANTI e SENZA ELEMENTI CHIMICI.
Qualità superiore con DHA-EPA 33/22 TG
https://i2.wp.com/blog.bimbonaturale.org/wp-content/uploads/2017/08/chelazione-naturale.jpg?fit=1024%2C629https://i2.wp.com/blog.bimbonaturale.org/wp-content/uploads/2017/08/chelazione-naturale.jpg?resize=150%2C150Serena RocchiRimedi naturaliSliderbenessere,naturopatia,rimedi naturaliIn natura di incontra spesso il fenomeno della 'chelazione', quando metalli inorganici formano complessi con la materia organica. Il termine “chelazione” significa 'legare, combinare'. Così come le chele di un granchio, i prodotti chelanti si agganciano ai metalli tossici e li “accompagnano” fuori dall’organismo. La chelazione naturale si avvale di elementi...