Secondo la definizione della Treccani, la critica è quella “facoltà intellettuale che rende capaci di esaminare e valutare gli uomini nel loro operato e il risultato o i risultati della loro attività per scegliere, selezionare, distinguere il vero dal falso, il certo dal probabile, il bello dal meno bello o dal brutto, il buono dal cattivo o dal meno buono”

Sebbene siamo tutti in grado di dare giudizi sull’operato altrui, sono davvero poche le persone in grado di accettarle. Ma una critica, sebbene possa far male, è necessaria ad ogni essere umano che voglia progredire e migliorarsi.

Perché si fa fatica ad accettare le critiche

Secondo Ferrán Ramón, in un articolo pubblicato su El País, il 70% circa delle persone non incasserebbe bene la critica e si sentirebbe ferito. Il 20% la rifiuterebbe, negandola, e solo un 10% reagirebbe in maniera positiva, interiorizzandola, chiedendosi se debba cambiare qualcosa a questo proposito.

Blanca Ojeda Montes, psicologa specializzata nel modello “Terapia Breve Strategica” ritiene che il motivo per cui si fa fatica ad accettare una critica risieda tutto nell’insicurezza e nella bassa autostima di una persona.

GLI STUDI SULLA CAPACITA’ DI AUTO-CRITICA – Uno studio pubblicato sulla rivista Sex Education de condotto presso il Department of Sociology della Montclair State University (Usa) ha provato come i giovani tra i 13 e 20 anni che avevano già avuto esperienze sessuali erano poco ricettivi ai consigli provenienti da figure adulte, mentre più inclini i ragazzi ancora del tutto privi di esperienze. Secondo Robert Nash, della Aston University (Gran bretagna), in generale le persone sono comunque tendenzialmente restie verso i buoni consigli, e soprattutto verso qualsiasi forma di criticismo. La maggior parte delle persone non vuole ascoltarle davvero perché comunque rimettono in discussione l’idea che si ha di se stessi e anche la propria autostima

La tipica reazione alle critiche: attaccare o screditare chi ce le fa

Il meccanismo psicologico che si instaura quando si riceve una critica è l’atteggiamento di difesa, che consiste nell’attaccare o screditare chi ci ha criticato.
SE MI CRITICHI TI DISTRUGGO – Una ricerca condotta da due psicologi canadesi, Lisa Sinclair e Ziva Kunda, e pubblicata sul Personality and Social Psychology Bulletin, ha dimostrato che gli studenti che ricevono valutazioni negative tendono a loro volta a valutare negativamente i professori che li hanno valutati.

Imparare ad accettare le critiche in modo costruttivo

Come imparare ad accettare le critiche senza farci travolgere e offendere?

  1. La critica non è un attacco personale. La critica non è rivolta alla nostra persona, ma a un comportamento o una scelta. Tutti possiamo sbagliare e ammettere un errore o riconoscere che c’è un’alternativa migliore di quella che abbiamo scelto ci migliora. Carlos Rodríguez Feixoo, psicologo e psicoterapeuta, ricorda che “dobbiamo renderci conto che la persona che critica non critica la persona ma l’immagine che ha di lei”. Noi non siamo solo ciò che facciamo: possiamo commettere un errore in un campo ma essere abili e capaci in tanti altri ambiti.
  2. Restare calmi e saldi: non lasciamoci travolgere dalle parole, ma osserviamo, come se la critica riguardasse un’altra persona e non noi stessi.
  3. Ascoltare ciò che gli altri hanno da dire:  aspettiamo prima di rispondere finché non saremo sicuri di rispondere in modo appropriato.
  4. Riflettere e darsi tempo: una critica a caldo è difficile da accettare, ma dandosi il tempo è più facile comprendere se possa in qualche modo esserci di aiuto.
  5. Vedi la critica come un’opportunità. Le critiche sono una cosa positiva e possono aiutarti a migliorare. Anche se chi ti critica sta sbagliando, ti permette comunque di osservare come altri vedono le cose.
  6. Distingui la critica utile da quella inutile. Solitamente la prima è precisa e offre un’idea di come fare le cose diversamente, la seconda è solo una lamentela di persone che non fanno altro che criticare solo per sentirsi meglio.
  7. Chiedi alla persona che ti critica un consiglio su come migliorare, in questo modo potrai distinguere se la critica è mossa solo per offendere o se la persona che te la sta facendo ha a cuore il tuo interesse.
  8. Se diverse persone ti fanno notare la stessa cosa, potrebbe significare che vale la pena lavorare su quella mancanza: impegnati sempre a migliorare.
Libri consigliati
Comunicazione Efficace
Via di trasmutazione interiore
Quaderno d'Esercizi per Comunicare Senza Conflitti con la CNV
Comunicazione non violenta
Pragmatica della comunicazione umana
Studio dei modelli interattivi
Piccolo Manuale per Imparare a Fare e a Ricevere Critiche
In questo piccolo manuale, Barbara Berckhan, la "Signora della comunicazione" e autrice del bestseller internazionale Piccolo manuale di autodifesa verbale, vi insegna a comunicare all'altro, anche ai più suscettibili, cosa disturba o non funziona.
https://i1.wp.com/blog.bimbonaturale.org/wp-content/uploads/2017/05/critica-litigio-litigare.jpg?fit=960%2C639https://i1.wp.com/blog.bimbonaturale.org/wp-content/uploads/2017/05/critica-litigio-litigare.jpg?resize=150%2C150Serena RocchiComunicazioneSliderpsicologiaSecondo la definizione della Treccani, la critica è quella 'facoltà intellettuale che rende capaci di esaminare e valutare gli uomini nel loro operato e il risultato o i risultati della loro attività per scegliere, selezionare, distinguere il vero dal falso, il certo dal probabile, il bello dal meno bello...