Soprattutto per i bambini avere il mal di pancia è un evento piuttosto frequente, anche se è difficile stabilire con certezza quale ne sia l’origine, infatti le cause del mal di pancia possono essere molteplici e comprendere un sovraccarico emotivo, coliche, costipazione, parassiti intestinali o dolori muscolari, come anche problemi urgenti che mettono a rischio la vita di chi ne è colpito.

Le più comuni cause di mal di pancia nei bambini

MAL DI PANCIA – Ha molteplici cause: può essere dovuto ainfiammazioni, ischemie, distensioni, costipazioni oppure ostruzioni. Se il dolore è acuto, la causa più comune di solito è la gastroenterite, se è cronico, può essere una costipazione. Anche le infezioni del tratto urinario possono causare dolori all’addome o allo stomaco, spesso infatti i bambini non si lamentano del bruciore e del fatto che devono andare in bagno più spesso.

Tipi di dolore alla pancia

Il dolore si può classificare come:

  • VISCERALE – sordo o improvviso e difficile da localizzare
  • SOMATICO – in genere legato a una peritonite e localizzato nell’area dei visceri coinvolti
  • RIFERITO – causato da un’irritazione locale che si trasmette lungo le innervazioni dell’organo

Il mal di pancia dei bambini è in genere innocuo e passa in breve tempo se trattato nel modo corretto. Nel caso in cui perduri o sia associato a febbre, sangue nelle urine, vomito, difficoltà a camminare, le cause del mal di pancia dovrebbero sempre essere approfondite perché potrebbero rivelare coliche, allergie alimentari, appendiciti, diverticoli, peritoniti, addome acuto, infezioni del tratto o altre patologie, a volte per esempio il mal di pancia è collegato alla tonsillite che infiamma i grossi linfonodi dell’intestino.

Quando il mal di pancia deve preoccuparci

Si deve prestare attenzione al mal di pancia ed eventualmente recarsi al pronto soccorso, quando siamo in presenza di:
* Forte e improvviso dolore
* Dolore continuo (senza pause)
* Dolore che induce a stare rannicchiati e immobili.
Addome molto duro alla palpazione 

Quando il dolore è molto forte, ma si alterna a momenti in cui diminuisce per poi aumentare di nuovo si potrebbe trattare di una colica renale o biliare.

Un dolore rapidamente progressivo (da pochi minuti a 1 o 2 ore), e localizzato in una sede precisa, può indicare un’infiammazione come la colecistite o la pancreatite acuta, oppure ostruzioni intestinali.

Un dolore a esordio e aggravamento più lento, che insorge in modo più vago e diffuso e poi si delimita, potrebbe essere la spia di un’infiammazione peritoneale ( diverticolite, appendicite, malattia infiammatoria pelvica).

Dolore crampiforme dolore acuto, che si alterna a periodi di attenuazione spontanea. È caratteristico dell’ostruzione di un viscere cavo (colica renale, colica biliare)

Dolore continuo: dura per ore senza pause ed è tipico di un’irritazione del peritoneo.

Altri sintomi

Alterazione delle funzioni intestinali 
Se non ci si scarica e non si liberano gas intestinali si potrebbe trattare di un fenomeno riflesso di una peritonite oppure di un’occlusione intestinale. La diarrea con dolori addominali può essere sintomo di gastroenterite.

Vomito
Può precedere il dolore o seguirlo, importante da segnalare al medico, perché potrebbe segnalare necessità di intervento chirurgico.

Febbre 
Può segnalare infiammazione.

https://i0.wp.com/blog.bimbonaturale.org/wp-content/uploads/2019/04/pancia-intestino.png?fit=960%2C600https://i0.wp.com/blog.bimbonaturale.org/wp-content/uploads/2019/04/pancia-intestino.png?resize=150%2C150Redazione BimbonaturaleBenessereSliderbenessereSoprattutto per i bambini avere il mal di pancia è un evento piuttosto frequente, anche se è difficile stabilire con certezza quale ne sia l’origine, infatti le cause del mal di pancia possono essere molteplici e comprendere un sovraccarico emotivo, coliche, costipazione, parassiti intestinali o dolori muscolari,...