neonatoQuando la mamma si allontana non si dispera: sa che tornerà. Se un altro neonato piange accanto, si unirà anche lui. Quando il papà o una persona cara, che ha intravisto spesso, abbraccia o dedica le sue attenzioni a qualcun altro, avverte un senso di dispiacere.

Il neonato e il riconoscimento delle emozioni

3-4 mesi

A tre mesi i neonati  già posseggono un’ ampia gamma di capacità; a quattro hanno già acquisito abilità deduttive, sanno distinguere le espressioni sui visi altrui e hanno una memoria di ferro tanto da provare rancore nei confronti di un fratello maggiore che li ha strapazzati.

4-6 mesi

Fra i quattro e i sei mesi cominciano ad intuire il dolore o l’ ansia di chi gli sta accanto.

Il bambino come cosiddetta «tabula rasa» di Piaget (che rimandava lo sviluppo delle emozioni alle esperienze) in realtà non esiste. I bambini, in effetti, portano con loro tutto ciò che siamo noi (addirittura il pre-concepimento ha un suo ruolo) e sono stati i nonni, i bisnonni, etc. Ma chissà che portino con loro qualcosa di ancora più lontano.

Gli studi sulle emozioni dei neonati

E’ provato che i neonati possiedano capacità complesse già dai 3 mesi di vita. Ecco alcune caratteristiche prese in considerazione dagli studi sull’argomento:

Empatia

Una delle prime capacità complesse ad affiorare in un neonato è l’ empatia. Secondo Martin Hoffman, psicologo all’Università di New York, l’ empatia è radicata fin dalla nascita anche se a livello rudimentale e ciò è stato dimostrato da uno studio italiano.

Bambini di tre mesi cominciavano a piangere dopo aver sentito gli strilli di altri bimbi, ma restavano tranquilli nell' ascoltare la registrazione del loro pianto.

Lingua

Per anni si è creduto che bastassero le cassette e i materiali multimediali per insegnare ai bambini una lingua straniera. Ora si scopre invece che già a 9 mesi il piccolo non si lascia ingannare.

I suoni che escono dal registratore gli arrivano come un fruscio senza significato, mentre è ben diverso l' effetto che si ottiene se il bimbo ascolta la voce di un essere umano in carne ed ossa.

Il bimbo può imparare persino a riconoscere l’accento del cinese mandarino, se è una persona a parlargli, perché è necessaria «la connessione emozionale», spiega Patricia Kuhl che da dieci anni studia questi comportamenti. La teoria del bambino che apprende solo con l’ esperienza è totalmente superata.

Le emozioni sono innate

Il neonato prova emozioni in modo spontaneo ed innato, ma apprende dal mondo come relazionarsi a quello che prova, è perciò compito dell’educazione fare in modo che il bambino possa mantenere nel tempo la stessa naturalezza nell’affrontare le emozioni che ha avuto nel sentirle affiorare.

Libri consigliati
Le emozioni dei bambini
Capire il significato di tanti comportamenti e a trovare le parole e i modi “giusti” per risolvere anche le situazioni che paiono più difficili
La scoperta delle emozioni
Un viaggio di educazione affettiva assieme ai bambini
Le emozioni fanno crescere
Come rendere autonomi e sicuri i nostri figli
Aiutare i bambini a esprimere le emozioni
Attività psicoeducative con il supporto di una favola
https://i2.wp.com/blog.bimbonaturale.org/wp-content/uploads/2015/05/neonato2.jpg?fit=640%2C463https://i2.wp.com/blog.bimbonaturale.org/wp-content/uploads/2015/05/neonato2.jpg?resize=150%2C150Serena RocchiEmozionieducazione,infanzia,psicologiaQuando la mamma si allontana non si dispera: sa che tornerà. Se un altro neonato piange accanto, si unirà anche lui. Quando il papà o una persona cara, che ha intravisto spesso, abbraccia o dedica le sue attenzioni a qualcun altro, avverte un senso di dispiacere. Il neonato e il...