taglio cesareoVi siete mai chiesti perché il taglio cesareo si chiami così?

Questo nome non si riferisce direttamente a Cesare, ma a una legge cesarea “Lex Cesarea” (del 715 a.c.) che presumibilmente imponeva di tentare di salvare i bambini attraverso incisione chirurgica, nel caso in cui la madre morisse prima del parto.

La parola “cesareo” deriva da caesus (taglio), ovvero: “estratto con un taglio”.

I bambini estratti post-mortem venivano chiamati cesones o césares.

È una leggenda che Giulio Cesare fosse nato in questo modo poiché sua madre Aurelia visse ancora molti anni, mentre nessuna donna sopravviveva all’operazione.

Nel medioevo la Chiesa promulgò la Lex Regia in virtù della quale era proibito seppellire donne morte per parto senza aver prima tentato l’estrazione del bambino dal suo ventre al fine di battezzarlo.

Il primo manuale sul taglio cesareo su donna viva venne pubblicato nel 1581 in Francia da François Rousset, medico del duca di Savoia. Fu il primo a descrivere come si faceva un cesareo. Rousset proponeva che si aprisse il ventre mediante un taglio sul lato sinistro e che non si suturasse il taglio, ma in effetti le sue indicazioni portarono alla convinzione che la sua opera fosse totalmente teorica e non frutto di effettivo studio pratico.

Il primo taglio cesareo riuscito

Nel 1794 Elizabeth Bennet è la prima donna a sopravvivere a un cesareo, operata dal marito medico, negli Stati Uniti.

storia taglio cesareo
IL PRIMO CESAREO RIUSCITO – Nel 1876 Edoardo del Porro, dell’Università di Pavia, eseguì un cesareo per malformazione pelvica a Giulia Covallini, in anestesia con cloroformio. Estrasse una bambina sana e, successivamente, estirpò l’utero, lasciandone il collo che suturò con fi lo metallico. La donna sopravvisse, dopo un post-operatorio travagliato e pieno di infezioni. In breve tempo si diffuse il “metodo Porro” in tutta Europa. La mortalità del cesareo divenne “solo” del 50%.

La modifica del taglio

Nel 1900 Hermann Johannes Pfannenstiel modifica per primo il taglio cesareo, da verticale a orizzontale.

In seguito all’adozione dell’asepsi, dell’anestesia, dell’emostasi e delle suture, diminuì la mortalità materna fino al 25 %.

Il cesareo nel XX secolo

Con le nuove tecniche di cesareo scoperte nel XX secolo la mortalità materna in seguito a un cesareo è diminuita enormemente. Da qui la sempre maggiore diffusione di questa tecnica:

– Nel 1970, nella maggior parte dei Paesi industrializzati, si contava un 5 per cento di parti cesarei.

– Nel 1980, questa cifra era raddoppiata.

– Nel 1985, in molti di questi Paesi un 15-20 per cento dei parti avvenivano mediante cesareo.

– Nel 1990 questa percentuale, in alcuni Paesi, continuò ad aumentare.

neonato 1
L’ABUSO DEL TAGLIO CESAREO – In Italia, solo nel 2010 su 500.000 nascite la percentuale di taglio cesareo è del 30% circa, anche se, secondo il Ministero della Salute che ha condotto un’indagine a livello nazionale il 43% dei parti cesarei è risultato “ingiustificato”. Addirittura, in Sicilia, l’uso del cesareo, stando a cartelle cliniche non coerenti o incomplete, non sarebbe giustificato nel 78% dei casi. Scopri di più su L’abuso del parto cesareo in Italia

 

neonato2
I NATI CON CESAREO A RISCHIO OBESITÀ – Secondo uno studio svolto in Inghilterra per 16 anni su oltre 20mila bambini, esisterebbe una significativa correlazione tra nascita con parto cesareo e obesità. Il rischio maggiore di soffrire di obesità per i nati con parto cesareo dipenderebbero dalle diverse caratteristiche della flora batterica intestinale. Scopri di più su I nati col parto cesareo? Maggiore rischio obesità
Libri consigliati
La tua gravidanza di settimana in settimana
Dal concepimento alla nascita
Preparazione al parto attivo
Travaglio e parto senza paura
Comprendere la funzione del dolore e alleviarlo con i metodi naturali
In Dolce Attesa
Consigli e tecniche naturali di preparazione al parto
Prodotti utili
Cuscino per gravidanza e allattamento
Angelsounds con display LCD
Bola messicana per gravidanza
Musica classica rilassante per mamma e bebè
https://i0.wp.com/blog.bimbonaturale.org/wp-content/uploads/2015/09/taglio-cesareo.png?fit=1024%2C768https://i0.wp.com/blog.bimbonaturale.org/wp-content/uploads/2015/09/taglio-cesareo.png?resize=150%2C150Redazione BimbonaturaleGravidanza e pueperiopartoVi siete mai chiesti perché il taglio cesareo si chiami così? Questo nome non si riferisce direttamente a Cesare, ma a una legge cesarea 'Lex Cesarea' (del 715 a.c.) che presumibilmente imponeva di tentare di salvare i bambini attraverso incisione chirurgica, nel caso in cui la madre morisse prima del...