doulaLa parola “doula” viene dal greco, e si riferisce ad una donna che sta a servizio di un’altra donna, “colei che serve la donna” oppure “colei che fa da madre alla madre”.

La parola, etimologicamente parlando, può avere una connotazione negativa, poiché significa “schiavo” o “servitore di Dio”.

L’antropologa Dana Raphael usò per prima questo termine, per riferirsi a madri già con prole a carico, che assistevano le neo-madri nelle Filippine,  i medici Marshall Klaus e John Kennell, che condussero la prima di molte prove cliniche randomizzate sulle conseguenze mediche di quando la doula assisteva i parti, adottarono il termine “doula” per identificare quella figura che sosteneva la madre durante il travaglio e il postpartum.

Cosa fa una doula

La Doula, accompagna la donna, tenendola per “mano”, fisicamente ed emotivamente, nell’avventura di diventare madre.

Il suo lavoro è molto flessibile, a seconda delle proprie competenze personali e delle esigenze della futura mamma.

Da sottolineare è il fatto che la Doula non offre interventi di tipo medico (non è un’ostetrica!) la sua funzione è di offrire comprensione, conforto emotivo e contenimento, di curarsi di bisogni fisici come riposo e cibo, della relazione con il futuro padre, con l’ostetrica e con gli altri membri della famiglia.

la Doula non offre soluzioni, ma sostiene i genitori nelle proprie idee e nel proprio sentire.

Gli studi sui benefici della presenza di una doula

Le donne sostenute da una doula durante il travaglio di parto hanno dimostrato di avere:

  • una riduzione del 50% del tasso di taglio cesareo
  • nel 25% dei casi, un travaglio più breve
  • nel 60% dei casi, una riduzione della richiesta di epidurale
  • nel 30% dei casi, una riduzione nell’utilizzo degli analgesici
  • nel 40% dei casi, una riduzione dell’utilizzo del forcipe

6 settimane dopo nascita, le madri che avevano avuto il supporto della doula erano:

  • Meno ansiose e depresse
  • Avevano più fiducia nelle loro capacità con il proprio bambino
  • Maggior soddisfazione con il partner (71% vs 30%)
  • Più probabilità di allattare ancora (52% vs. 29%)
Queste informazioni appaiono in “Una Doula fa la Differenza” da Nugent, Periodico di Mothering, marzo-aprile 1998. Per risultati particolareggiati da vari studi: http://www.dona.com/positionpapers.html

Per ulteriori informazioni sullo studio dell’efficacia dell’appoggio fornito dalla doula: www.maternitywise.org

Libri consigliati
La tua gravidanza di settimana in settimana
Dal concepimento alla nascita
Preparazione al parto attivo
Travaglio e parto senza paura
Comprendere la funzione del dolore e alleviarlo con i metodi naturali
In Dolce Attesa
Consigli e tecniche naturali di preparazione al parto
Prodotti utili
Cuscino per gravidanza e allattamento
Angelsounds con display LCD
Bola messicana per gravidanza
Musica classica rilassante per mamma e bebè
https://i0.wp.com/blog.bimbonaturale.org/wp-content/uploads/2015/09/doula.jpg?fit=808%2C540https://i0.wp.com/blog.bimbonaturale.org/wp-content/uploads/2015/09/doula.jpg?resize=150%2C150Redazione BimbonaturaleGravidanza e pueperiogravidanza,partoLa parola 'doula' viene dal greco, e si riferisce ad una donna che sta a servizio di un'altra donna, 'colei che serve la donna' oppure 'colei che fa da madre alla madre'. La parola, etimologicamente parlando, può avere una connotazione negativa, poiché significa 'schiavo' o 'servitore di Dio'. L'antropologa Dana Raphael...