Il Konjac, pianta da cui si estrae il famoso glocomannano, è conosciuta anche con i nomi di Konnyaku, Konjak, Konjaku, Patata Konjac, Giglio Voodoo, Lingua del diavolo o Igname di elefante.

Questa pianta, ricca di fibre, è conosciuta principalmente per la sua capacità di limitare l’assorbimento dei grassi. Per questo viene spesso consigliata, come coadiuvante della perdita di peso, affiancato a una dieta corretta e a un po’ di sano movimento.

Ma non solo, questa pianta ci riserva sorprese sia negli usi che ne vengono fatti, sia nelle proprietà.

La pianta di Konjac (Amorphophallus konjac)

La pianta di Konjac viene coltivata in Cina, Giappone, Corea, Taiwan e nel Sud-est asiatico.

Amorphophallus konjac
AMORPHOPHALLUS KONJAC – La pianta si sviluppa da un rizoma tuberizzato che ha la forma di una mela che può raggiungere parecchi chili di peso.  Il fiore si sviluppa prima delle radici ed ha una forma,  consistenza e odore molto particolari: alto anche più di un metro e mezzo, ha colore, odore e consistenza che ricordano la carne cruda. Dalla sua parte aerea viene prodotta la gelatina Konnyaku, utilizzata come ingrediente in molti piatti e specialità orientali, come l’Oden, il Sukiyaki, il Gyūdon e gli spaghetti Shirataki. Inoltre, viene usato anche dai vegetariani come sostituto della gelatina animale.

 

Konnyaku
Il Konnyaku si trova nei negozi alimentari confezionato in sacchetti di plastica, contenenti acqua, e ha l’aspetto di un blocco grigio con consistenza di una gelatina.

Tutta la parte aerea del Konjac contiene il glucomannano, una gomma naturale vegetale (denominata anche gomma di Konjac) ingrediente molto conosciuto e utilizzato, sia nelle gomme da masticare, sia negli integratori destinati a chi vuole perdere peso.

Cos’è il glucomannano e quali sono le sue proprietà

 

stomaco
Il Glucomannano è un polisaccaride formato da glucosio e mannosio, che non viene assorbito a livello intestinale, per queste caratteristiche ha la capacità di richiamare acqua rigonfiandosi fino a 60 volte il proprio volume. Quando poi l’ambiente è acido (come quello dello stomaco) il glucomannano raggiunge la sua massima espansione, fino a 80-100 volte, producendo un senso di pienezza e sazietà.  Aumenta il senso di sazietà, grazie al volume che crea nello stomaco, favorendo il controllo della fame.

 

intestino
Il glucomannano tende ad inglobare i cibi ingeriti rallentandone e diminuendone l’assorbimento intestinale, trattenendo anche colesterolo, acidi biliari, metalli pesanti e facilitandone l’eliminazione con le feci. A livello intestinale riduce l’assimilazione dei carboidrati, favorendo il metabolismo dei trigliceridi e del colesterolo.

 

 

intestini
Il glucomannano forma una massa gelatinosa che aumenta la motilità dell’intestino, agevolando l’evacuazione. Esercita inoltre un’azione meccanica aumentando la massa fecale e riducendo i tempi di transito. Utilissimo dunque in caso di stipsi.
  • Grazie alla sua capacità di assorbire l’acqua, in particolare in presenza di un ambiente acido come quello dello stomaco, aumenta di volume e produce senso di sazietà favorendo il controllo della fame e del peso corporeo.
  • Modula l’assorbimento dei nutrienti e favorisce un’azione lenitiva del sistema digerente.
  • A livello intestinale riduce l’assimilazione dei carboidrati favorendo il metabolismo dei trigliceridi e del colesterolo.
  • Regola la consistenza delle feci, inoltre forma una massa gelatinosa in grado di facilitare la motilità dell’intestino e agevolare l’evacuazione.
  • La fibra, trattenendo l’acqua, esercita un’azione principalmente meccanica ammassando il contenuto del colon e riducendo i tempi di transito. Diminuisce di conseguenza il contatto tra la parete intestinale e le tossine aiutando la disintossicazione dell’organismo.

Konjac, gli usi

Possiamo trovare in commercio il Konjac in molte forme.

capsule opercoli integratori medicine
INTEGRATORI – Opercoli e capsule contenenti glucomannano da assumere prima dei pasti.

 

shirataki konjac
ALIMENTI – Il konjac è contenuto in diversi alimenti tipici della cucina orientale, per esempio la si trova nella pasta Shirataki, famosa per essere utilizzata nelle diete dimagranti, ha pochissime calorie e sazia molto.
konjac- spugne
SPUGNE PER USO ESTERNO – La capacità del konjac di assorbire viene sfruttata anche in vari prodotti per uso esterno, per esempio nelle spugne, capaci di trattenere sebo e impurità.

Konjak, le controindicazioni

Nonostante le sue caratteristiche e le sue proprietà è importante prima di assumere il Konjac, chiedere consiglio al proprio medico di fiducia, soprattutto in caso di:

  • ALLERGIE E INTOLLERANZE
  • GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO
  • ASSUNZIONE DI MEDICINALI O ALTRI INTEGRATORI, Il Glucomannano potrebbe limitarne o ritardarne l’assorbimento.
  • PERICOLO DI SOFFOCAMENTO, il Konnyaku ha una consistenza quasi solida e non si scioglie subito in bocca, per questo motivo c’è un rischio di soffocamento dovuto all’ingerimento della gelatina.
Nutra Glucomannano
Favorisce il raggiungimento del senso di sazietà
Spugna Konjac - Carbone di Bambù
Spugna per il controllo delle impurità
Shirataki Pasta
FARINA DI KONJAC (GLUCOMANNANO) ALIMENTARE KG. 1
https://i0.wp.com/blog.bimbonaturale.org/wp-content/uploads/2016/04/Amorphophallus_konjac.jpg?fit=1024%2C785https://i0.wp.com/blog.bimbonaturale.org/wp-content/uploads/2016/04/Amorphophallus_konjac.jpg?resize=150%2C150Redazione BimbonaturaleRimedi naturaliSliderrimedi naturaliIl Konjac, pianta da cui si estrae il famoso glocomannano, è conosciuta anche con i nomi di Konnyaku, Konjak, Konjaku, Patata Konjac, Giglio Voodoo, Lingua del diavolo o Igname di elefante. Questa pianta, ricca di fibre, è conosciuta principalmente per la sua capacità di limitare l’assorbimento dei grassi. Per questo viene...