insonniaL’insonnia è un disturbo del sonno caratterizzato dall’incapacità di prendere sonno nonostante ce ne sia il reale bisogno fisiologico.

Classificazione dell’insonnia

Insonnia transiente

Insonnia che dura meno di una settimana, e può essere causata da cambi di ambiente, depressione o stress.

Le sue conseguenze - sonnolenza e ridotte abilità psicomotorie - sono simili a quella della semplice privazione del sonno;

Insonnia acuta

Si parla di insonnia acuta quando vi è l’impossibilità di dormire in modo soddisfacente per meno di un mese;

Insonnia cronica

L’insonnia si definisce cronica quando dura più di un mese.

 I suoi effetti dipendono dalle cause che la inducono, e possono includere affaticamento muscolare, allucinazioni, affaticamento mentale e doppia visione.

Le cause dell’insonnia

L’insonnia occasionale può essere causata da stress, sconvolgimenti psicologici, allergie alimentari, scadente igiene del sonno (andare a letto nei momenti sbagliati, uso di eccitanti, visione di film particolarmente “forti” prima di andare a dormire, ecc.), assunzione di alimenti con effetti stimolanti (caffè, cacao, ecc.) e di alcuni farmaci.

Nei neonati si associa ai disturbi digestivi, nei bambini talvolta ai vermi intestinali e negli anziani ad una iniziale arteriosclerosi cerebrale.

Altre forme di insonnia possono invece essere legate a patologie psicologiche (può esserci un’insonnia da ansia, un’insonnia da depressione o un’insonnia da vita frenetica) oppure fisiche.

L’insonnia può essere un sintomo di iper-tiroidismo, e colpisce talvolta chi ha nevralgie, chi soffre di dolori artrici, i soggetti asmatici, i sofferenti di cuore, i soggetti con disturbi gastrici.

Secondo uno studio dello Sleep Disorders Center di Edison (New Jersey),  che ha monitorato il ritmo circadiano di circa 40 pazienti, analizzandone nel lungo periodo le abitudini tecnologiche del pre-sonno e la qualità dello stesso, sms e iPad prima di dormire disturbano il sonno. L’indagine, compiuta su ragazzi dagli 8 ai 22 anni, ha dimostrato come gli apparecchi elettronici causano, a lungo andare, problemi legati all'ansia, alla depressione, o patologie precise come l’ADHD, sindrome da deficit di attenzione e iperattività, così come insonnia.  Questo stato mentale è ancor peggio del bombardamento di immagini e suoni dato dalla televisione, o dall'ascoltare musica. Proprio l’interazione poi, come avviene se si gioca o si naviga in rete, è altrettanto colpevole dell’eccitazione pre-dormita. La soluzione, raccomandano gli esperti ricercatori che hanno svolto lo studio, è controllare i ragazzi e convincerli a spegnere pc e dispositivi elettronici almeno un paio di ore prima dell’ora del sonno

L’importanza del sonno

Sappiamo che dormire, e dormire bene, è importante per mantenerci in buona salute.

Dormire poco può condurre della cosiddetta sindrome metabolica che comporta patologie quali diabete e obesità, altera l’efficienza del sistema immunitario aumentando la vulnerabilità alle malattie e  porta tachicardia o peggio a malattie degenerative del cervello.

Si calcola che per ogni 2 ore di veglia sia necessaria almeno 1 ora di sonno.

Insonnia, un nemico pericoloso

Nel mondo occidentale è in corso una progressiva diminuzione delle ore di sonno: si calcola che si dorme mediamente 1 ora e mezza per notte meno rispetto a 100 anni fa. Ma questa perdita di sonno ha delle ripercussioni notevoli sulla salute.

dormire
INSONNIA, UN NEMICO DA NON SOTTOVALUTARE – Dormire meno delle 8 ore raccomandate può provocare disturbi a corpo e mente.

Sotto le 6 ore di sonno si rischia l’obesità

Dormire meno di 6 ore per notte aumenta il rischio di obesità: la carenza di sonno provoca un aumento della grelina, sostanza che stimola l’appetito, e la diminuzione della leptina, che invece regola il senso di sazietà.

Deficit di attenzione

La mancanza di sonno provoca deficit di attenzione, aumento della vulnerabilità, peggioramento dell’umore e aumento dei pensieri ossessivi.

Disturbi sessuali

Quando diminuiscono le ore di sonno profondo si innescano problemi alla sfera sessuale, con calo di desiderio e disturbi eiaculatori.

Problemi agli ormoni

Quando si dorme poco viene disturbata l’attività dell’ipofisi, che produce le gonadotropine, che regolano la fertilità e la regolarità del ciclo mestruale.

Gravidanza e sonno

Gli ultimi studi hanno correlato la scarsa qualità del sonno in gravidanza con una maggiore frequenza di disturbi depressivi pre e post parto, soprattutto nelle giovani madri.

regole buon sonno
LE REGOLE PER UN BUON SONNO RISTORATORE

Le cure naturali

Meditazione

E’ una tecnica che ci permette di rilassare la mente e abbassare il volume del vociare continuo dei nostri pensieri, alleviare i sintomi dello stress, e migliorare la qualità della nostra vita.

meditazione
MEDITAZIONE – Prova a respirare da una sola narice (tenendo chiusa l’altra) per qualche minuto, concentrandoti solo sull’esercizio e senza pensare ad altro.  Inspirando a lungo attraverso la narice sinistra ed espirando da quella destra (chiudendo ogni volta la rispettiva narice) si calmano le attività dell’organismo. Eseguendo l’esatto contrario, ovvero inspirando dalla narice destra ed espirando da quella sinistra, si provoca invece la stimolazione di tali funzioni, mentre se si alternano le narici ad ogni respiro si ottiene un equilibrio fra i due emisferi cerebrali e in tutto l’organismo. MELATONINA – La melatonina, un ormone naturale prodotto di notte dalla ghiandola pineale, favorisce il sonno ed è ora disponibile anche come integratore. Secondo alcuni ricercatori, questo ormone può migliorare il funzionamento del sistema immunitario, svolge un ruolo positivo nella cura del cancro e di altre malattie, accrescere la libido e, addirittura, può invertire il processo di invecchiamento.

Valeriana

valeriana officinalis

VALERIANA OFFICINALIS – Ricca di olii essenziali e acido valerianico, sostanze in grado di aumentare la produzione di acido gamma-aminobutirrico nel cervello, vale a dire l’aminoacido naturale più potente per la sua azione sedativa. Può essere assunta come infuso serale e sotto forma di T.M. – 50 gocce di Tintura Madre 3 volte al giorno.

Passiflora

passiflora
PASSIFLORA – Grazie alla sua azione calmante, è uno dei rimedi fitoterapici più utilizzati per i disturbi della sfera nervosa. La sua azione calmante del sistema nervoso garantisce un sonno notturno tranquillo e privo di risvegli. Prepara una tisana con due cucchiai di sommità di passiflora lasciata in infusione 5-7 minuti e bevila 2 ore prima di andare a dormire.

Melissa

melissa
MELISSA – Nota per essere un ansiolitico e sedativo naturale di grande efficacia. In infuso da bere prima di coricarsi, ma anche sotto forma di aromaterapia: qualche goccia di olio essenziale nel diffusore donano calma e serenità .

Rhodiola rosea

rhodiola-rosea
RHODIOLA ROSEA – Questa pianta combatte lo stress cronico che può generare squilibrio ormonale, alterazione dell’umore, ansia, depressione, abbassare le difese immunitarie, diminuire il desiderio sessuale. L’estratto della pianta presenta un elevato potere adattogeno, ossia induce un migliore adattamento e quindi una resistenza dell’organismo a qualsiasi forma di stress, apportando allo stesso tempo molti altri benefici. L’azione graduale e fisiologica della Rhodiola aiuta a ridurre l’impatto dei fattori di stress di varia natura, esterni e interni, sul sistema nervoso. In questo senso la Rhodiola rosea ha dato risposte positive contro le alterazioni dell’umore e i disturbi del sonno.

Aceto di sidro

SIDRO MELE
ACETO DI SIDRO – L’aceto di sidro di mele è un prodotto liquido derivante dalla fermentazione delle mele. E’ stato dimostrato che il suo alto livello di acido acetico migliora alcune sintomatologie. Bere l’aceto di sidro di mele sotto forma di tonico prima di cena o un’ora prima di andare a dormireriduce il rischio di diabete, di ingrassare e di sviluppare malattie cardiache. Porre 3 cucchiaini di miele in una tazza di aceto di sidro, mescolare e prenderne 2 cucchiaini ogni sera prima di coricarsi. Funziona!
Libri consigliati

Dormire è Facile - Con CD Audio Incluso
Il programma per combattere l'insonnia
Dormire bene
Sonno e insonnia: esercizi e consigli per il proprio benessere

Prodotti utili

Melatonina
A base di Melatonina con Passiflora, Luppolo e Melissa
Rhodiola rosea
Vigore fisico e mentale

https://i2.wp.com/blog.bimbonaturale.org/wp-content/uploads/2015/04/insonnia.jpg?fit=1024%2C680https://i2.wp.com/blog.bimbonaturale.org/wp-content/uploads/2015/04/insonnia.jpg?resize=150%2C150Redazione BimbonaturaleRimedi naturaliSlidernanna,naturopatia,rimedi naturaliL'insonnia è un disturbo del sonno caratterizzato dall'incapacità di prendere sonno nonostante ce ne sia il reale bisogno fisiologico. Classificazione dell'insonnia Insonnia transiente Insonnia che dura meno di una settimana, e può essere causata da cambi di ambiente, depressione o stress. Le sue conseguenze - sonnolenza e ridotte abilità psicomotorie - sono simili a quella della semplice...