Nel corpo fisico, ogni circa sette anni, ci troviamo di fronte a un cambiamento totale. Sappiamo che ogni 7 anni non troviamo più nemmeno una sola cellula di quelle che c’erano 7 anni prima, tutto viene rinnovato. Questo ritmo in settenni è particolarmente visibile nello sviluppo dei corpi del bambino ed è importante per valutare l’azione e l’educazione idonea al bambino in ogni particolare momento della sua formazione.

Si può suddividere l’intera vita umana in periodi come questo e ciascuno di questi periodi si suddivide a sua volta in tre parti ben distinte: testa, tronco, arti (triarticolazione dell’organismo umano)

Il primo settennio – Il bambino piccolo da 0 a 7 anni “Il mondo è buono”

“Nel primissimo periodo della sua vita (…) l’essere umano fa semplicemente ciò che vuole. Se l’adulto è disposto ad ammetterlo onestamente, deve riconoscere di essere molto impotente di fronte a ciò che il bambino vuole…” “Si può già dire che, se guardiamo bene nel cuore umano, vediamo come la maggior parte della felicità terrena dell’uomo (…) dipende dalla coscienza che egli può avere della libertà. E lo scopo della vita terrena consiste proprio nel fatto che l’uomo viva pienamente il suo impulso alla libertà immergendosi nella fisicità.” Rudolf Steiner, nella conferenza “il bambino nel primo settennio” del 29/12/1921

Se vediamo il bambino in termini “materiali”, lo vedremo come un contenitore vuoto da riempire (il meglio e il prima possibile!), vedremo le sue eredità genetiche, ci sentiremo come genitori gli unici “responsabili” del suo essere, nel buono e nel meno buono.

Allora, è vero che in questo contesto un ruolo di grande importanza è rivestito dalla libertà dell’uomo. Ma non dobbiamo ritenere secondario l’aspetto del destino, che il bambino porta con sé in questa vita.

Allora il genitore e l’educatore si sentirà “accompagnatore” di quest’anima che si è messa nelle sue mani, piuttosto che persona con il diritto di intervenire arbitrariamente nel destino del bambino.

bambino
Nel primo settennio il bambino ha un atteggiamento religioso verso il mondo, è un essere di pieno amore che si apre agli altri e il mondo esterno agisce in lui fin nel fisico configurandone gli organi, con i neuroni specchio il bambino coglie lo scopo e i sentimenti dietro i gesti che si compiono davanti ai suoi occhi, egli è tutto organo di senso, è quindi fondamentale compiere azioni che abbiano un senso , diventa fondamentale parlare poco e fare molto.

 

BAMBINO PANE
Il ritmo è salute: VITA – Come educatori e genitori si deve cercare di creare abitudini fisiche per rafforzare la volontà che consistono nei primi anni nel dare dei ritmi attraverso le poppate, il sonno, la passeggiata, colazione pranzo e cena , il momento del gioco, il momento della fiaba, etc…

 

scuola waldorf
Nell’asilo si prepara il pane, la pasta, la pizza, le marmellate quindi si fanno fare esperienze tattili di vario genere attraverso l’uso delle manine poi gli si fanno toccare stoffe e giocattoli naturali, si sperimenta la natura: le formichine, le foglioline , i sassi, gli alberi… La maestra si fa vedere impegnata in attività manuali in modo da favorire l’imitazione, il primo passo dell’apprendimento. Per il bambino del primo settennio il mondo è BUONO, è bene quindi lasciarlo in questo mondo senza agire precocemente facendolo ripetere a memoria o facendogli ricordare .

Il secondo settennio – Il bambino in età scolare 7-14 anni “Il mondo è bello”

Lo sviluppo infantile termina intorno ai 21 anni ed è finalizzato a farci diventare degli esseri autonomi. Nei primi 7 anni avvengono soprattutto la costruzione e strutturazione del corpo fisico. Una volta libere dalla costruzione del corpo, le forze vitali danno inizio alla vita psichica ed emotiva.

Per il bambino del secondo settennio il MONDO E’ BELLO è quindi importante per il maestro portare ogni materia con entusiasmo e insegnare attraverso le immagini collegando le varie materie al cosmo , in questa scuola non si insegna in modo nozionistico perché inaridisce l’anima , ma si porta il bambino a cogliere nell’interiorità ciò che il maestro porta come germe per la volontà.

scuola waldorf bambini flauto suonano
Le arti come la pittura, la musica, la scultura e il lavoro manuale sono attività che si svolgono e creano un respiro tra le materie che riguardano la testa con la conoscenza e comprensione e l’uso degli arti legati alla volontà.

Lo sviluppo del bambino: il bambino all’inizio del settimo anno (secondo settennio), la crisi dei 7 anni e la maturità scolare

Il terzo settennio – Dall’adolescenza alla giovinezza 14-21 anni “Il mondo è vero”

Non si può fare ad un uomo nulla di peggio che svegliare troppo presto il suo giudizio […] Per essere maturi per il pensare si deve aver acquisito il rispetto per quello che altri hanno pensato. Nel giovane deve vivere l’atteggiamento di imparare prima, e di giudicare poi. Non esiste un sano pensare che non sia stato basato su una naturale fiducia nell’autorità.( R. Steiner, Educazione del bambino ecc., cit. p. 42)

Con la pubertà si risveglia il mondo delle rappresentazioni astratte, la forza di giudizio e la libera ragione.

Mentre durante i primi due settenni il pensare era stato nutrito indirettamente ora è giunto il momento in cui è possibile intervenire dall’esterno sulla sua emancipazione. Tutto ciò che il giovane ha appreso fino a questo momento lo ha accolto tramite corpo e il sentimento, senza doversi formare un giudizio prematuro o un’opinione personale; ora è necessario rivolgersi alla sua facoltà intellettiva, alla sua capacità di giudizio, senza però abbandonare di colpo le buone abitudini che l’hanno condotto fin qui.

scuola waldorf superiori ragazzi
Il MONDO E’ VERO – A 14 anni si libera il pensiero causale il ragazzo è pronto per accogliere i concetti. Il PENSIERO è LUCE. E’ importante che i professori abbiano degli ideali e che creino entusiasmo nel ragazzo che digerisce la materia ed è in grado di superare la crisi in cui si sente immerso in quanto si libera in lui il corpo astrale o dei sentimenti fino ad arrivare alla liberazione dell’io a 21 anni in cui inizia l’autoeducazione.
Libri consigliati
Giocattoli fatti dai genitori
di F. Jaffke, Natura e Cultura edizioni
Oggi cosa facciamo?
Le attività e i giochi da proporre ai neonati e ai bambini di Serena Rocchi
Le età evolutive, dall'infanzia alla maggiore età
di B. Lievegoed, Natura e Cultura edizioni
Qualche piccola poesia per giocar con l'euritmia
di M. Peccarisio, Aedel edizioni
Bambini e bambole
di K. Neuschutz, Filadelfia edizioni
Il creativo disegno di forme
di R. Kutzli, Natura e Cultura edizioni
https://i1.wp.com/blog.bimbonaturale.org/wp-content/uploads/2016/03/scuola-waldorf-bambini-flauto-suonano.png?fit=700%2C453https://i1.wp.com/blog.bimbonaturale.org/wp-content/uploads/2016/03/scuola-waldorf-bambini-flauto-suonano.png?resize=150%2C150Redazione BimbonaturaleSliderSviluppo infantileeducazione,infanziaNel corpo fisico, ogni circa sette anni, ci troviamo di fronte a un cambiamento totale. Sappiamo che ogni 7 anni non troviamo più nemmeno una sola cellula di quelle che c'erano 7 anni prima, tutto viene rinnovato. Questo ritmo in settenni è particolarmente visibile nello sviluppo dei corpi del...