L’elevata frequenza delle infezioni vaginali può essere legata al pH vaginale: questo è fisiologicamente mantenuto acido dalla flora batterica vaginale, che, se non in perfetta salute provoca  piccole variazioni del pH che alterano l’ecosistema vaginale favorendo infezioni.

I principali responsabili delle infezioni vaginali sono i batteri (Chlamydia, Gonococco), i protozoi (Trichomonas), i funghi (Candida) e i virus (herpes, HIV).

Le infezioni vaginali vengono favorite dall’alterazione del pH vaginale, che può dipendere da variazioni ormonali,  stile di vita, igiene o attività sessuale.

Il pH vaginale

Il valore del pH definisce la concentrazione dello ione idrogeno H in una sostanza o tessuto corporeo: nel caso della vagina questo dovrebbe essere compreso tra 3 e 5,5, ovvero un ph tendente all’acido, in età fertile.

ph vaginale

Il pH può variare fisiologicamente nelle varie età femminili:

  • PUBERTÀ –  Vengono prodotti pochi estrogeni e quindi il pH è tendenzialmente NEUTRO, tra i 6.5 e i 7.
  • ETA’ RIPRODUTTIVA –  Gli estrogeni la fanno da padrone: il pH dovrebbe essere ACIDO,  tra i 3.5 e i  4.5
  • CICLO MESTRUALE – I giorni successivi al ciclo sono particolarmente a rischio di infezioni. L’acidità tende a ridursi leggermente verso il NEUTRO, tra 4 e 6. 
  • GRAVIDANZA – Il pH vaginale, con l’aumento degli estrogeni, diventa ancora più ACIDO, fino a 3.
  • MENOPAUSA –   Aumenta il rischio di infezioni, fastidio e secchezza. Si ritorna al pH tendenzialmente NEUTRO, tra  6 e  7. 

Cosa altera il pH vaginale

Il pH vaginale, al di là delle variazioni fisiologiche, può alterarsi anche per altri motivi:

  • Antibiotici
  • Pillola (contraccettivo orale)
  • Alimentazione squilibrata
  • Stress
  • Rapporti sessuali estremi
  • Indebolimento del sistema immunitario
  • Diabete
  • Biancheria intima sintetica
  • Assorbenti interni
  • Detergenti intimi aggressivi
donna2
ALTERAZIONI DEL PH – Il pH vaginale può alterarsi per svariati motivi, tra cui l’uso della pillola, stress, alimentazione squilibrata, terapie antibiotiche, uso di biancheria sintetica, uso di detergenti aggressivi.

Un pH squilibrato porta a disturbi di varia entità: vaginiti, vaginosi, vulviti, cerviciti, etc.

Leggi il nostro articolo: Candida, rimedi naturali secondo la visione olistica

pH vaginale, come riequilibrarlo

Prevenzione

lavare mani
CORRETTA IGIENE INTIMA – È importante lavarsi le zone intime con detergenti a pH neutro o leggermente acido. Lavarsi sempre dopo ogni rapporto sessuale e dopo la defecazione. No a saponi troppo aggressivi, che possono alterare l’acidità vaginale e il corretto equilibrio della flora batterica, no a deodoranti intimi e lavande intime, da utilizzare solo dietro consiglio del ginecologo. Usare solo il proprio asciugamano personale, anche in famiglia e nei bagni pubblici utilizzare un copriasse o proteggere l’asse del water con carta igienica.

 

biancheria slip canottiera
BIANCHERIA INTIMA – Gli indumenti molto stretti e aderenti possono favorire la comparsa di irritazioni che possono trasformarsi facilmente in infezioni. Indossare biancheria naturale (cotone o seta): le fibre sintetiche, impediscono la normale traspirazione della pelle e creano un ambiente caldo-umido perfetto per la proliferazione dei germi. Limitare l’utilizzo dei salvaslip, che creano un ambiente caldo-umido ideale per lo sviluppo dei germi e cambiare spesso l’assorbente durante il ciclo mestruale.

 

Rimedi naturali

 

limone
LIMONE – Aiuta a riequilibrare il Ph alterato. Bevete ogni mattina mezzo bicchiere di acqua tiepida in cui avete spremuto il succo di 1 limone.

 

tea tree
TEA TREE – Il tea tree possiede proprietà antibatteriche. Lavatevi le parti intime con acqua in cui avrete messo 6-7 gocce di olio essenziale di tea tree.

 

secret_ceres
SECRET CERES – Per riequilibrare la flora batterica vaginale. Leggi il nostro articolo Secret Ceres, cos’è e come usarlo.
lavanda vaginale tea tree
LAVANDA VAGINALE – In caso di alterazioni e infezioni il ginecologo potrebbe consigliarvi una lavanda vaginale. Leggi il nostro articolo: come quando e perché fare il lavaggio vaginale.

 

Libri consigliati
Candida e infezioni vaginali
Vulvo-vaginiti e vaginosi
Riconoscerle e guarirle in modo naturale
Candida: cure naturali e alimentazione
100 ricette vegetariane splendidamente illustrate per la prevenzione e la cura
Prodotti utili
TEST PH VAGINALE -
conf. 10 pz.
Lavanda vaginale vuota
Complesso Naturale per Candida, mughetto e vaginosi batterica
Fermenti lattici
Succo di Echinacea
Integratore alimentare con 100% puro succo di pianta fresca
Bevanda a base di pane integrale fermentato
Vitapan Plus biologico
https://i0.wp.com/blog.bimbonaturale.org/wp-content/uploads/2015/11/donna2.jpg?fit=640%2C426https://i0.wp.com/blog.bimbonaturale.org/wp-content/uploads/2015/11/donna2.jpg?resize=150%2C150Redazione BimbonaturaleBenesseredonna,naturopatia,rimedi naturaliL'elevata frequenza delle infezioni vaginali può essere legata al pH vaginale: questo è fisiologicamente mantenuto acido dalla flora batterica vaginale, che, se non in perfetta salute provoca  piccole variazioni del pH che alterano l'ecosistema vaginale favorendo infezioni. I principali responsabili delle infezioni vaginali sono i batteri (Chlamydia, Gonococco), i protozoi (Trichomonas), i...