neonato piangeL’armonia tra te e il tuo bambino potrà essere immediata oppure arrivare per gradi.

In ogni caso sperimentare il successo di vedere smettere piangere il bambino quando tu rispondi in modo giusto ai suoi bisogni ti darà una grande forza e una grande competenza, oltre che rendere il bambino sempre più sicuro di essere amato e venire soddisfatto.

Il pianto, per il neonato, è una delle prime forme di comunicazione: gli serve fondamentalmente per attirare l’attenzione ed è proprio per questo che il pianto del neonato non lascia mai indifferenti: può portare preoccupazione, voglia di far qualcosa, anche fastidio.

Perché un neonato piange

Il neonato piange principalmente per due motivi:

1- prova un bisogno

2- esprime un’emozione e scarica una tensione

Il pianto di bisogno

In questo caso dobbiamo ricordare che il neonato vive nel presente e che appena sente un bisogno piange in modo disperato anche per motivi che a noi potrebbero apparire insignificanti.

piedini neonato
PERCHÉ PIANGE – Il neonato non può avere, come abbiamo noi adulti, la consapevolezza che il fastidio passerà, se avrà la pazienza di aspettare 5 minuti.

Quanto può durare il pianto del neonato

Secondo gli studi, se la persona che si prende cura del bambino risponde in modo pronto e rapido alle necessità del neonato (entro 90 secondi), questi si calmerà molto in fretta (5 secondi).

Moltiplicando per 2 il tempo necessario a rispondere al neonato moltiplichiamo x 10 la durata del pianto! Perciò se ci mettiamo 6 minuti a capire cos'ha il bambino e ad intervenire in modo corretto, il neonato, nel momento in cui riceve ciò di cui ha bisogno, smetterà di piangere dopo più di 8 minuti. Per questo è importante mantenere la calma e provare sempre una cosa per volta (proviamo ad allattarlo, se non smette entro 5 minuti di piangere, proviamo a cambiarlo, aspettiamo altri 10 minuti, se non si calma proviamo qualcos'altro, etc.) e dare il tempo al neonato di sfogarsi prima di proporre nuove alternative.

Il pianto di sfogo

Può anche capitare che il neonato non pianga per un effettivo fastidio o per una esigenza incombente: il neonato può piangere anche, come succede a noi adulti, per sfogarsi.

neonato
IL BAMBINO PUÒ PIANGERE, QUESTO NON SIGNIFICA CHE NON SEI UNA BRAVA MAMMA – Quando il neonato piange dobbiamo riuscire a non farci sopraffare dalle nostre emozioni per ACCETTARE, RISPETTARE E DARE IL PERMESSO al nostro bambino di esprimersi.

Magari è arrabbiato perché non lo avete preso in braccio, magari è ancora scosso perché ha avuto una nascita difficile, magari vuole dare l’opportunità a voi di sfogare le vostre emozioni … e piange perché non ha nessun altro strumento a disposizione per permettervelo.

Detto questo è importantissimo che il genitore non si senta sminuito, incompetente, insicuro, perché non si sente in grado di far smettere immediatamente il suo neonato di piangere, ma che si prenda tempo per capire perché si sente impotente (forse i suoi genitori hanno provato lo stesso quando il neonato era lui?) e per accettare che TUTTI I NEONATI PIANGONO.

neonato
FAI LE COSE CON CALMA, NON PASSARE DA UNA PROPOSTA ALL’ALTRA IN CONTINUAZIONE – Soprattutto all’inizio alcuni tentativi potranno non funzionare, ma non preoccuparti, col passare dei giorni e dei mesi il repertorio di “cose da fare” si arricchirà a dismisura. Ricorda che il bambino, soprattutto se molto nervoso, avrà bisogno di tempo per accettare quello che gli proponete, quindi aspettate almeno 5 minuti tra un’operazione e un’altra, altrimenti rischiate di renderlo ancora più agitato.

Consigli per calmare il neonato che piange

Offrigli il seno

Anche se ha mangiato da poco, può essere che abbia ancora fame, oppure abbia dolori al pancino, oppure voglia ciucciare per addormentarsi.

allattamento-al-seno
Se il bambino si attacca e si stacca nervosamente dal seno, significa che non è la soluzione adatta, probabilmente ha dolori alla pancia o ha bisogno di qualcos’altro.

Controlla il pannolino

Soprattutto se usate i pannolini di stoffa. Può essere che abbia bisogno di essere cambiato.

Ha qualche malessere

Fategli fare il ruttino, può avere caldo o freddo (sentite i piedini e le manine), massaggiatelo, fategli prendere aria, tenetelo in braccio verticalmente appoggiato alla vostra spalla e battetegli energicamente sul culetto (è un ottimo sistema in caso di coliche), cambiate posizione (a pancia in su o in giù, o appoggiato alla vostra spalla, o sulle ginocchia, etc.)

Fagli compagnia

Forse ha bisogno della vostra presenza, vuole compagnia.

Cullatelo, dondolatelo, camminate con lui in braccio.

Si sta annoiando

Cantagli una canzoncina o fagli sentire una musica, cullandolo.

passeggino
Portalo a fare una passeggiata, anche se è sera o è inverno: l’unica controindicazione alle uscite è il forte vento. Se è più grandicello parlagli oppure usa filastrocche e canzoncine e mostragli cose nuove e interessanti.

Rilassati

Sappiamo di essere in buona compagnia e che tantissimi genitori provano o hanno provato le nostre difficoltà. Armiamoci di pazienza, sapendo che quando impareremo con l’esperienza a capire cosa il nostro bimbo vuole dirci tutto passerà (questo avviene in genere entro i 6 mesi di vita del bambino)

Respira

Quando non riusciamo a fare qualcosa, a seconda dei condizionamenti che abbiamo ricevuto durante la nostra vita, possiamo provare svariate emozioni (tensione, sensazione di fallimento, incapacità, catastrofismo, etc.) che si ripercuotono a livello corporeo con tensione muscolare, blocco del movimento oppure agitazione e soprattutto col blocco del respiro o col respiro affannoso! Allora cominciamo a lavorare su di noi prima di pensare di che cosa ha bisogno il nostro neonato, RESPIRIAMO!

respira rilassamento
RESPIRA E RILASSATI – Concentriamoci sul nostro respiro: prima inspiriamo e riempiamo torace e poi addome. Tratteniamo qualche secondo e poi espiriamo con calma. Ripetiamo diverse volte finché ci sentiamo meglio. Mi è capitato personalmente di usare questa tecnica per far addormentare i miei bambini e funziona benissimo! Infatti finché restiamo concentrati sul sonno del bambino, lui si agita, appena noi ci lasciamo andare, respirando e scaricando la tensione, il bambino magicamente si tranquillizza e addormenta… questo ancora per confermare quanto il campo energetico materno e del bambino siano tutt’uno!

Tieni duro

Se siete da sole/i tenete duro e non agitatevi mai, per nessun motivo: il bambino percepisce il vostro nervosismo e le cose non riescono a risolversi.

NON E’ VIZIATO – Il bambino non piange per farci dispetto né perché è “viziato”, ma perché ha delle esigenze e non è ancora capace di aspettare. Gli adulti siamo noi, impariamo noi a convivere e a controllare le nostre emozioni. Ricorda di rispettare i suoi tempi e di proporre cose nuove con calma, aspettando la sua reazione.

Chiedi aiuto

Se non riuscite a calmarlo chiedete aiuto al vostro partner o a una persona di fiducia, spesso la mamma quando non riesce a calmare il bambino ai primi tentativi va in panico peggiorando la situazione, essere tenuto da una persona più tranquilla spesso risolve il problema. Spesso la situazione migliora se sappiamo che abbiamo una “scappatoia” o un’”uscita di emergenza”, per esempio possiamo chiamare il pediatra, andare al pronto soccorso o in farmacia.

doula
LA DULA – Cerca di avere sempre a disposizione nei primi mesi una persona fidata da poter chiamare ad ogni ora e che eventualmente può venire a casa nostra in caso di “emergenze”, per esempio una nonna, una zia, un’ostetrica, una pedagogista o una puericultrice, una dula.

Cerca di sentirti competente

Spesso i farmaci, le tisane, etc funzionano non in sé, ma semplicemente perché sentiamo di avere uno strumento tra le mani in gradi di alleviare i nostri problemi, ci sentiamo più competenti, cioè in grado di affrontare il problema.

I gruppi di incontro o i corsi genitore/bambino servono proprio per permettere di ripristinare una comunità non-giudicante intorno alla neo-mamma.

massaggio infantile
MASSAGGIO – Il massaggio infantile specifico per le coliche dell’A.I.M.I. (Associazione Italiana Massaggio infantile) è stato oggetto di studio e verifiche e si è rivelato particolarmente efficace per migliorare il rapporto tra mamma e neonato.

Contienilo

Il bambino ama essere contenuto (attraverso l’appoggio delle mani, l’essere tenuto in braccio, l’essere tenuto stretto in una copertina, nella fascia o nel marsupio, etc.) proprio perché proviene dall’utero dove ha sperimentato il massimo del contenimento.

bimbo fasce
FASCIARE – Quando avete un bambino che si “tira” in continuazione, si agita, si muove, provate a contenerlo attraverso la fasciatura.

Come fasciare il neonato

Prova la Marsupio-Terapia

E’ stato provato che anche la marsupio-terapia è molto efficace per ristabilire il giusto equilibrio energetico tra mamma e bimbo.

I benefici della marsupio-terapia

Cullalo

I neonati amano molto essere cullati. Potete provare il “paleggio indiano” (tenere il bambino sulle vostre ginocchia e “galoppare”) oppure a cullare il bambino tra le braccia o metterlo su un’amaca o in un lenzuolo e tenendo da una parte la mamma e dall’altra il papà cullarlo con vigore. Spesso lo stesso effetto si ottiene con un “giro in auto”.

Altre possibilità - Potete provare a cambiare posizione dell’allattamento (alcuni neonati preferiscono alcune posizioni o addirittura un capezzolo all'altro), tenetelo in braccio verticalmente appoggiato alla vostra spalla e battetegli energicamente sul culetto , cambiate posizione (a pancia in su o in giù, o appoggiato alla vostra spalla, o sulle ginocchia, etc.) , fategli scaricare energia attraverso il vostro corpo tenendolo stretto, PIANGETE ANCHE ASSIEME A LUI se questo serve per scaricare la tensione... forse il vostro piccolo vuole solo questo!
Leggi il nostro articolo Cosa fare quando il neonato piange

 

Libri consigliati
Quando il bebè piange
Come rasserenarlo identificando le cause del suo disagio
L'arte di capire il tuo bebè
Comprendere il mondo sensoriale del bambino e renderlo felice
Prodotti utili
Fascia porta bebè
Amazonas Mei Tai
Alternativa alla fascia, estremamente versatile e facile da indossare
https://i2.wp.com/blog.bimbonaturale.org/wp-content/uploads/2015/09/neonato-piange.jpg?fit=460%2C276https://i2.wp.com/blog.bimbonaturale.org/wp-content/uploads/2015/09/neonato-piange.jpg?resize=150%2C150Redazione BimbonaturaleGravidanza e pueperioSliderneonatoL'armonia tra te e il tuo bambino potrà essere immediata oppure arrivare per gradi. In ogni caso sperimentare il successo di vedere smettere piangere il bambino quando tu rispondi in modo giusto ai suoi bisogni ti darà una grande forza e una grande competenza, oltre che rendere il bambino sempre più...