lemon-566551_640Il limone ha eccellenti proprietà nutrizionali e vale la pena di tenerne sempre qualcuno in casa per ogni evenienza (raffreddore, mal di gola, mal di stomaco, etc.) ma anche solo come condimento per le insalate o per non far annerire la frutta tagliata… anzi sarebbe buona norma lavare la verdura e la frutta nel limone piuttosto che nel bicarbonato.

Ma il limone vanta ben altre qualità e può essere utilizzato anche per le pulizie di tutta la casa, ha infatti proprietà sgrassanti, deodoranti e disinfettanti.

Vediamo come utilizzare il limone per le pulizie di casa.

Stoviglie

Mezzo limone passato direttamente sulle stoviglie pulisce, sgrassando la superficie, e aumenta la brillantezza.

Deodorante

Nello scarico del lavabo versare il succo di un limone, puro, lasciare agire per una notte per eliminare cattivi odori o residui di grasso. Per i secchi della spazzatura: Lavarli con acqua bollente e usuale detergente. Passarli poi al loro interno con mezzo limone e lasciare asciugare all’aria aperta almeno 30 minuti prima di riutilizzarli. Si possono anche lasciare sul fondo le bucce dei limoni usati per mantenerli deodorati più a lungo. Per i cibi: Aggiungendo mezzo limone all’acqua di cottura del cavolfiore se ne limita il non sempre piacevole aroma che si diffonde per la casa. In caso abbiate bruciato del cibo o ci siano odori non piacevoli in casa, usare le scorze del limone nel diffusore oppure bruciarne un po’, sul fuoco, per contrastare il cattivo odore.

Sgrassante

Per eliminare chiazze d’olio si possono cospargerle con la polpa di mezzo limone in un cucchiaio di sale fino strofinando direttamente. Lasciar agire 30 minuti circa e passare con strofinaccio di cotone.

Detersivo per le stoviglie

Frullare 3 limoni interi con una tazza di acqua e una manciata di sale fino. Si ottiene una poltiglia. Unire una tazza d’acqua e una tazza di aceto bianco. Versare in una pentola e far bollire per 15 minuti. Togliere dal fuoco e conservare in un recipiente di vetro utilizzandolo come un normale detersivo per i piatti, nella lavastoviglie, etc. Le stoviglie e i taglieri da cucina si puliscono facilmente anche con il succo di mezzo limone e un cucchiaio di bicarbonato.

Teiere e caffettiere

Difficili a volte da pulire, possono essere trattate con una miscela di acqua e succo di limone (1 limone in 500 ml di acqua). Si riempiono con questa miscela, si lascia agire per 2 ore circa, si sciacqua e si asciuga. Per eliminare macchie di caffè o tè dalla tazzine, spremere direttamente un limone all’interno della tazzina e lasciar agire 1 ora, al limite aiutarsi con uno spazzolino per rimuovere le macchie più ostinate. Risciacquare con acqua calda. Sul calcare delle teiere mettere qualche scorza di limone, coprire con acqua e far bollire per qualche minuto.

Pentole

Per eliminare quel residuo bianco sulle pentole, dato dalla bollitura dell’acqua, far bollire acqua con alcune bucce di limone.

Forno

Nel forno, o nel forno a microonde, far “cuocere” una ciotola con acqua e succo di limone in parti uguali a cui aggiungere 1 cucchiaio di aceto bianco. Nel forno per 30 minuti, nel microonde per 5 minuti alla massima potenza. Lasciar intiepidire, togliere il recipiente e fregare bene il forno con spugna o panno.

Brillantante

I limoni già spremuti possono essere riutilizzati, invece che essere buttati, nel cestello della lavastoviglie. Oltre a non sprecare il limone si può così fare a meno del brillantante, perché le stoviglie saranno comunque profumate e brillanti. Unire limone e sale fino serve ad ottenere una pasta che rende brillanti le superfici, soprattutto quelle di acciaio.

Antimacchia

Sui piani di lavoro non in marmo versare succo puro sulla macchia, lasciar agire 30 minuti. Mettere sopra 1 cucchiaino di bicarbonato e fregare bene. Sciacquare con acqua calda e asciugare.  Sui piani in marmo usare succo unito ad acqua in parti uguali. Non lasciare agire troppo, perché il limone sul marmo può risultare corrosivo opacizzando il marmo. Sulle mani può essere usato mezzo limone per togliere la macchie lasciate dalla pulizia di verdure e frutti come per es. i carciofi o le ciliegie. Strofinare il limone sulle mani prima di risciacquarle.

Bagno

I rubinetti si rovinano spesso a causa del calcare, passando un limone tagliato a metà, premendo bene per far uscire il succo e lasciando agire qualche minuto, aiuta ad eliminarlo. Anche per le piastrelle di bagno e doccia si può passare il limone e sciacquare poi con acqua tiepida. Oppure preparare una miscela di acqua e succo di limone.

Vetri

Un ottimo prodotto per pulire i vetri si ottiene mettendo in un nebulizzatore acqua e succo di limone filtrato: 2 limoni in 500 ml di acqua.

Tessuti

Nel cestello della lavatrice mezzo limone (senza semi) aiuta ad avere un bucato più bianco. Per candeggiare si può preparare una miscela di succo di limone e bicarbonato e lasciare la biancheria in ammollo per 30-40 minuti almeno. Quasi tutte le macchie sui tessuti possono essere trattate con succo di limone puro, oppure unito a bicarbonato o a sale fino. Anche la lana si mantiene più morbida lasciata per un giorno in ammollo in acqua e succo di limone.

Metallo

Rame o argento

Strofinare con un panno imbevuto di succo di limone puro. Oppure limone e bicarbonato per far risplendere le pentole in rame. Risciacquare con acqua fredda e asciugare bene.

Alluminio

Con limone puro come per il rame e argento, ma in questo caso sciacquo con acqua calda e asciugare bene.

Ottone

Usare una pasta con 2 cucchiai di sale fino macinato al velo e il succo di mezzo limone. Strofinare bene con un panno di cotone, risciacquare e asciugare con un panno di lana.

Oro

Per pulire i gioielli in oro (senza pietre): metterli sul fondo di un piatto e coprire con acqua e succo di limone in ugual quantità. Lasciare in ammollo una notte intera. Risciacquare poi con cura e asciugare con telo di cotone o lino.

Ferro da stiro

Anche il ferro da stiro messo peggio beneficia di una pulizia con limone e bicarbonato.

Altro

Con il limone, che ha un ph poco acido, è possibile pulire oggetti sui quali altri prodotti più aggressivi non sarebbero adeguati: per es. sulle monete, che possono essere pulite immergendole in puro succo di limone, con lo stesso procedimento usato per l’oro. Si lasciano in ammollo 15 minuti e poi si strofinano con un panno di cotone oppure con uno spazzolino. Altro es. su oggetti che presentano parti in metallo rovinate da calcare o ruggine strofinare metà di un limone sulla superficie interessata e asciugare con panno di cotone.

Libri consigliati
La mia casa ecopulita
Detersivi fai da te ecologici ed economici
Pulizie di casa con i segreti della nonna
Il limone
piccoli segreti naturali
Guida ai detersivi bioallegri
Prodotti utili
Percarbonato
(sbiancante)
Carbonato di sodio
(per forni e fornelli)
Acido citrico
(ammorbidente, anticalcare, brillantante)
Green box
https://i1.wp.com/blog.bimbonaturale.org/wp-content/uploads/2015/03/lemon-566551_640.jpg?fit=640%2C307https://i1.wp.com/blog.bimbonaturale.org/wp-content/uploads/2015/03/lemon-566551_640.jpg?resize=150%2C150Redazione BimbonaturaleEcologiaSliderecologia,fai da teIl limone ha eccellenti proprietà nutrizionali e vale la pena di tenerne sempre qualcuno in casa per ogni evenienza (raffreddore, mal di gola, mal di stomaco, etc.) ma anche solo come condimento per le insalate o per non far annerire la frutta tagliata… anzi sarebbe buona norma lavare la...