Nomi lettera P bimbonaturale“Nomina sunt omina”

Così i latini esprimevano la loro convinzione secondo cui ogni nome è un presagio, perché ponte sonoro tra l’uomo e la realtà: ogni nome ci evoca immagini, sensazioni, emozioni, pensieri, che gli sono stati associati nel corso degli anni. Il nome è energia, che l’uomo incanala in un veicolo fonico.

Per questo motivo abbiamo deciso di dedicare uno spazio alla scelta del nome, perché ogni mamma possa avere uno spunto di riflessione su come immagina il suo bambino, come sente che sarà e su cosa le piacerebbe dirgli tutte le volte che lo chiama.

Nomi con la lettera P

Paco

Il nome Paco ha avuto origine come soprannome di san Francesco d’Assisi: è divenuto un soprannome diffuso per il nome spagnolo Francisco.

Deriva da un'abbreviazione del latino Pater Comunitatis, cioè "Padre della Comunità", titolo che fa riferimento alla sua fondazione dell'ordine Francescano.

Può essere festeggiato il 4 ottobre, in memoria di san Francesco d’Assisi

Pacifico

Nome molto amato negli ambienti cristiani, il suo significato si rintraccia in “mansueto, colui che ama la pace”

Dal latino Pacificus, letteralmente "pacifico", "mansueto"

L’onomastico viene festeggiato il 24 settembre in memoria di san Pacifico da San Severino.

Palma, Palmira, Palmeria / Palmiro, Palmerio

Palmiro si diffuse particolarmente in epoca medievale, per influsso della cultura cristiana. Palmira fu in tempi antichi un’importante città della Siria.

Dal nome medievale Palmiero o Palmerio che significa letteralmente “portatore di palma” o, in senso lato, “pellegrino in Terra Santa”

L’onomastico viene festeggiato solitamente la Domenica delle Palme, ma può anche essere festeggiato l’8 luglio, in memoria di san Palmerio, martire in Sardegna.

Paloma

Il nome può fare riferimento, in ambito religioso, allo Spirito Santo che appare in forma di colomba, ma può in parte anche riflettere il culto verso la Virgen de la Paloma de Madrid, uno dei numerosi titoli mariani tipici della Spagna.

Significa "colomba", "piccione" in lingua spagnola.

L’onomastico può essere festeggiato il 15 agosto per la ricorrenza della Virgen de la Paloma de Madrid.

Pamela, Pamele, Pamila, Pamelia

È un nome recente, creato nel 1599 dallo scrittore Philip Sidney per un personaggio femminile dell suo poema pastorale Arcadia. Si deve la sua diffusione in Italia alle commedie di Goldoni “Pamela nubile” e “Pamela maritata”.

Dal greco Pan = "tutto" e da Meli = "canto" quindi "tutto canto"

L’onomastico può essere festeggiato il 1º novembre, la festa di Tutti i Santi

Pancrazia, Brancazia / Pancrazio, Brancazio, Branca

In origine era un epiteto di Zeus, e i primi cristiani bizantini lo usarono per Cristo. È un nome tipico del Sud Italia, in particolare della Sicilia.

Dal greco Pankratios = "tutto il potere"

L’onomastico si può festeggiare l’8 luglio in ricordo del primo vescovo di Taormina e martire, san Pancrazio.

Paola, Paula/ Paolo, Pablo, Paul, Pavel

Deriva dal latino Paulus, noto fin dall’epoca dell’antica Roma, trattandosi del cognomen romano della gens Aemilia. Considerando il contesto dei cognomina romani, è possibile che, in origine, Paulus venisse imposto o al figlio più giovane (ovvero “il più piccolo”) della famiglia oppure al più piccolo o più giovane fra due membri omonimi dello stesso nucleo familiare. L’accezione di questo termine si estese fino a significare anche “umile”. Questo significato, in particolare, fa da sfondo alla popolarità del nome Paolo fra i primi cristiani, accentuata poi notevolmente dalla figura di san Paolo. San Paolo è il patrono di Roma.

Dal latino Paulus = "il piccolo, il giovane"

L’onomastico si festeggia  il 29 giugno, in memoria di san Paolo, apostolo e martire.

Parida, Paris / Paride

Figura della mitologia greca, nome del figlio di Priamo ed Ecuba, che rapì Elena e uccise, nella guerra di Troia, l’eroe Achille.

Dal greco Paris = "lottatore", "battagliero"

L’onomastico viene festeggiato il 5 agosto in memoria di san Paride, vescovo di Teano.

Pasqua, Pasquala, Pascala, Pasqualina / Pasquale, Pascale, Pascal

Il nome veniva tradizionalmente dato ai bambini nati il giorno di Pasqua, o nel periodo pasquale. Secondo una leggenda, San Pasquale è l’inventore dello zabaglione.

Dal latino Pasqualis = "relativo alla Pasqua"

L’onomastico si festeggia generalmente nel giorno di Pasqua oppure il 17 maggio, in ricordo di san Pasquale Baylón.

Patrizia, Patricia /Patrizio, Patrick, Patricio, Paddy

Tale nome venne adottato da san Patrizio, vescovo ed evangelizzatore dell’Irlanda. San Patrizio è il patrono dell’Irlanda.

Dal latino Patres = "nobile, di levata classe sociale"

L’onomastico viene festeggiato il 17 marzo in ricordo di san Patrizio, vescovo ed evangelizzatore dell’Irlanda.

Penelope, Penny, Penelopa

Si tratta di un nome di tradizione classica, portato da Penelope, moglie dell’eroe greco Ulisse di cui si narra nell’Odissea.

Dal greco Penelopia = "tessitrice"

L’onomastico si può festeggiare il 5 maggio in memoria di sant’Irene da Lecce, il cui nome originale era Penelope.

Perla, Perlina, Perlita, Pearl

È un nome di origini medievali, veniva imposto alle bambine cui si augurava di essere belle e preziose come perle.

Dal latino perla = "perla"

Nome adespota, si può festeggiare il 1 novembre.

Petra, Pietra, Piera / Piero, Pietro, Pete, Peter, Petro

La figura di Pietro, considerato il primo Papa e venerato come santo dai cristiani, permise al nome di diffondersi in varie forme in tutto il mondo cristiano sin dai primi secoli, rafforzandosi poi ulteriormente grazie al culto di altri santi così chiamati. La forma femminile Pietra può inoltre derivare dalla devozione per “Maria Santissima della Pietra”. Le forme diminutive Piero e Piera si sono formate già a partire dal Medioevo. Le forme Petro e Petra sono in parte dovute all’influenza del Latino ecclesiastico, soprattutto al Sud.

La forma latina Petrus discende da quella greca Petros, derivata da petra, pietra. Il nome greco, a sua volta, è la traduzione dall'aramaico Kephas, derivato da kefa, sempre nel significato di pietra, roccia

L’onomastico viene festeggiato tradizionalmente il 29 giugno in onore di san Pietro, apostolo di Gesù e primo Papa, martire a Roma sotto Nerone.

Pia / Pio

Deve la sua diffusione alla popolarità nei primi ambienti cristiani, aiutata poi dalle figure di diversi Papi, si usa maggiormente nella forma femminile, soprattutto composta: Maria Pia o Mariapia. Di recente uso soprattutto nei paesi dell’Italia meridionale, specialmente in Puglia, per devozione a san Pio da Pietrelcina.

Deriva dall'aggettivo latino Pius, Pia = "colui che adempie ai doveri morali e religiosi"

L’onomastico si festeggia solitamente il 23 settembre, in onore di san Pio da Pietrelcina, frate francescano.

Pilar

Nome femminile tipicamente spagnolo, diffusosi grazie al culto di Nuestra Senora del Pilar, molto venerata a Saragozza

Dallo spagnolo Pilar = "pilastro, base"

L’onomastico ricorre il 12 ottobre in ricordo della Nostra Signora del Pilar.

Placida /Placido

È diffuso in tutta Italia, ma soprattutto in Sicilia. La forma femminile Placidia, accentrata in Sardegna, è in parte sostenuta dalla notorietà del mausoleo di Ravenna di Galla Placidia, figlia dell’Imperatore Teodosio I.

Dal latino Placidus = "placido", "calmo", "tranquillo"

L’onomastico si festeggia il 5 ottobre  in ricordo di san Placido, monaco, discepolo di san Benedetto da Norcia.

Platone

È universalmente noto per essere stato portato da Platone, uno dei massimi filosofi greci antichi, il cui vero nome era Aristocle.

Dal greco Platon =  "dalle spalle larghe"

L’onomastico si può festeggiare il 4 aprile in memoria di san Platone, eremita.

Plinia / Plinio

Plinio il vecchio e Plinio il giovane erano scrittori romani.

Dal latino plenus = "pieno"

Nome adespota, si può festeggiare l’onomastico il 1 novembre.

Plutarco

Il nome è noto per essere stato portato da Plutarco, biografo, scrittore e filosofo greco antico, vissuto sotto l’Impero Romano, di cui ebbe anche la cittadinanza e dove ricoprì incarichi amministrativi. Studiò ad Atene e fu fortemente influenzato dalla filosofia di Platone. La sua opera più famosa sono le Vite parallele, biografie dei più famosi personaggi dell’antichità. Durante l’ultima parte della sua vita fu sacerdote al Santuario di Delfi.

Dal greco antico ploutarchos = "fonte della ricchezza"

L’onomastico si festeggia il 28 giugno in memoria di san Plutarco, martire.

Pompea, Pompeia / Pompeo, Pompeio, Pompilio

Deriva dal gentilizio romano Pompeius, di origine non del tutto certa.

Potrebbe derivare dal termine pompe, "cinque" col significato di "quinto nato"

Onomastico il 5 aprile, san Pompeo, martire a Roma – 10 aprile, san Pompeo, martire a Cartagine.

Porzia, Porsia, Portia, Porcaria / Porzio, Porziano

È diffuso particolarmente nelle zone di Bari e Matera, riflettendo il culto locale di santa Porzia vergine.

Potrebbe derivare da latino porcus = "allevatrice, guardiana di suini",  ma anche dal  latino col significato di "porta"

L’onomastico può festeggiarsi il 24 novembre, giorno di memoria di san Porziano – 8 ottobre, ricorrenza di santa Porcaria (chiamata anche Porzia).

Prassede, Prasseda

Nome femminile che deriva dal latino ecclesiastico Praxedes.

Dal latino praxedes = "colei che agisce [bene]"

L’onomastico si festeggia il 21 luglio in memoria di santa Prassede, vergine e martire a Roma, sorella di santa Prudenziana.

Prima, Primula, Primina / Primo, Primino, Primiano

Il nome Primo in origine veniva attribuito solitamente al figlio primogenito, oppure per designare il “primo” o “più vecchio” fra due membri omonimi della stessa famiglia. Al femminile deriva dall’omonimo fiore, che fiorisce per primo in primavera.

Dal latino Primus = "primo"

L’onomastico si può festeggiare il 9 giugno in memoria di san Primo, martire sulla Via Nomentana.

Prisca, Priscilla, Priscilliana / Prisco, Priscilliano

Nell’antica Roma era utilizzato come cognomen e solo più tardi divenne un nome personale. Serviva originariamente per discinguere all’interno di una stessa famiglia una persona più anziana. A Santa Priscilla sono state dedicate le Catacombe.

Dal latino Priscus = "primitivo"

L’onomastico si può festeggiare il 4 gennaio, san Prisco, martire a Roma- 18 gennaio, santa Prisca- 28 marzo, san Prisco, martire – 15 aprile, san Prisco, eremita – 5 maggio, santa Prisca, venerata a San Sperate- 26 maggio, san Prisco, martire.

Protea / Proteo, Pruteus

Era il dio marino che aveva il dono della preveggenza e della capacità di trasformarsi.

Dal greco proteus = "il primo, il migliore"

Nome adespota, si può festeggiare il 1 novembre.

Prudenza, Prudenzia, Prudentia, Prudencia, Prudence, Prudenziana/ Prudente, Prudenzio, Prudens

La forma femminile inglese, Prudence, era in uso in Inghilterranel Medioevo, e venne ripresa dai Puritani nel XVII secolo.

Dal latino prudens, "prudenza"

L’onomastico si può festeggiare il 6 aprile, beato Prudenzio (o Prudente), vescovo – 28 aprile, san Prudenzio- 6 maggio, santa Prudenzia Castori, religiosa.

Libri consigliati
Nomi & segni zodiacali
Scegliere il nome del tuo bambino in accordo con le caratteristiche del suo segno
Il libro dei nomi
Per lui e per lei
Nomi
Origine, significato, giorno di festa
Il messaggio racchiuso nei nomi
Prodotti utili
Nome adesivo
Decorazione per cameretta personalizzabile
Lettera decorativa per nomi bambini
https://i2.wp.com/blog.bimbonaturale.org/wp-content/uploads/2015/08/Nomi-lettera-P-bimbonaturale.jpg?fit=613%2C378https://i2.wp.com/blog.bimbonaturale.org/wp-content/uploads/2015/08/Nomi-lettera-P-bimbonaturale.jpg?resize=150%2C150Redazione BimbonaturaleNominomi“Nomina sunt omina” Così i latini esprimevano la loro convinzione secondo cui ogni nome è un presagio, perché ponte sonoro tra l’uomo e la realtà: ogni nome ci evoca immagini, sensazioni, emozioni, pensieri, che gli sono stati associati nel corso degli anni. Il nome è energia, che l’uomo incanala in...