I bambini passano all’aria aperta meno tempo dei prigionieri di alta sicurezza. Sembra una battuta invece è il risultato a cui sono giunti i ricercatori di uno studio australiano finanziato dal produttore di detersivo per il bucato Persil/Omo.
Sebbene questo sia uno studio svolto in Australia, anche se lo stesso ha coinvolto 10 differenti Paesi, la realtà in Italia potrebbe essere non molto differente, come conferma uno studio della Regione Lazio:
La scomparsa dei giochi di strada, come camminare su un muretto o arrampicarsi su un albero, sta provocando danni gravissimi: i ragazzini di oggi non hanno senso dell’equilibrio e coordinazione visuo-spaziale, in compenso hanno una muscolatura poco tonica, livelli preoccupanti di demineralizzazione ossea con conseguenti maggiori infortuni durante la poca attività fisica che viene praticata, in genere durante le ore di educazione motoria a scuola. I bambini non sanno più muoversi, l’allarme lanciato da uno studio dell’istituto educativo del Lazio

Come si è arrivati alla ricerca sul tempo passato all’aria aperta dai bambini

Nel 2014 arriva una prima denuncia da parte dell’associazione no profit Nature Play SA – che sostiene il gioco all’aperto – la quale in un articolo sosteneva che l’87% dei bambini australiani passasse più tempo a giocare al chiuso che all’aria aperta.

Griffin Longley, amministratore delegato di Nature Play SA, è stato il primo a fare il paragone tra prigionieri e bambini: questa immagine così forte ha spinto James Hayhurst, responsabile azionario globale della Persil,  a commissionare una ricerca indipendente.

La ricerca sul gioco all’aperto dei bambini

La ricerca ha coinvolto oltre 12.000 genitori di bambini di età compresa fra i 5 e i 12 anni in 10 paesi diversi ed ha confermato che, nonostante i genitori riconoscano e valorizzino l’importanza del gioco, una serie di fattori quali mancanza di tempo, mancanza di posti sicuri dove giocare ed altre attività programmate, fanno sì che i bambini abbiano poco tempo per giocare, soprattutto se si tratta di gioco libero e all’aria aperta.

Se si pensa che ai prigionieri di alta sicurezza sono concesse da una a due ore di tempo all’aria aperta ogni giorno, la maggior parte dei nostri bambini non arriva neppure all’ora.

Lo studio ha rivelato che quasi un terzo dei bambini del Regno Unito gioca fuori per 30 minuti o meno e uno su cinque non esce del tutto.

Perché il gioco libero all’aria aperta è così importante

Gli studi dimostrano che il gioco all’aperto è fondamentale per lo sviluppo di tratti caratteriali quali curiosità, resilienza, immaginazione, indipendenza e audacia.

Secondo uno studio condotto presso il Barcelona Institute for Global Health (ISGlobal), in collaborazione con l’Hospital Del Mar e la Ucla Fielding School of Public Health, che è stato pubblicato sulla rivista Environmental Health Perspectives, crescere circondati dal verde favorisce lo sviluppo del cervello dei bambini. La natura aiuta lo sviluppo dei bambini   e  Movimento e apprendimento, come agevolare un migliore sviluppo cognitivo dei nostri bambini

Bambini ossessionati dagli schermi

Quando noi eravamo bambini passavamo intere giornate all’aperto, ma i bambini di oggi difficilmente, anche in estate passano più di qualche ora fuori. Cosa è cambiato nel corso degli anni?

Secondo i genitori del Regno Unito dipende da mancanza di spazi adeguati, clima e carenza di tempo, ma lo studio della Persil conferma che il clima ed il tempo non solo gli unici colpevoli.

La principale responsabile di questo cambiamento è la tecnologia:  il gioco è diventato sempre più digitalizzato, così i bambini hanno perso quasi del tutto interesse per il gioco all’aperto e in mezzo alla natura.

Quasi 8 genitori su 10 sostengono che i loro figli spesso si rifiutano di giocare fuori senza un qualche supporto tecnologico. Preferiscono fare sport virtuale di fronte ad uno schermo piuttosto che uscire e praticarlo davvero.

LIBERIAMO I BAMBINI – Secondo Mark Sears di The Wild Network, il gioco all’aperto è vitale per i bambini, li rende più felici e più sani. Moltissimi studi confermano questa affermazione e mostrano anche che il movimento e il tempo passato fuori migliorano le prestazioni scolastiche  e possono contribuire alla riduzione del rischio di depressione, cancro, diabete, miopia e di molti altri problemi. Bambini, TV e tecnologia
Libri consigliati
I bambini e la TV
Bambini psico-programmati
Essere consapevoli dell'influenza della pubblicità, della TV, dei videogiochi
Giocattoli fatti dai genitori
di F. Jaffke, Natura e Cultura edizioni
Oggi cosa facciamo?
Le attività e i giochi da proporre ai neonati e ai bambini di Serena Rocchi
Le età evolutive, dall'infanzia alla maggiore età
di B. Lievegoed, Natura e Cultura edizioni
Qualche piccola poesia per giocar con l'euritmia
di M. Peccarisio, Aedel edizioni
Bambini e bambole
di K. Neuschutz, Filadelfia edizioni
Il creativo disegno di forme
di R. Kutzli, Natura e Cultura edizioni
Bambini in movimento
Il gioco e lo sport con una palla diversa da tutte le altre
Movimento, sport ed espressività corporea
Percorsi per affrontare il disagio giovanile
https://i0.wp.com/blog.bimbonaturale.org/wp-content/uploads/2018/08/bambina-gioca-aperto-parco.jpg?fit=960%2C640https://i0.wp.com/blog.bimbonaturale.org/wp-content/uploads/2018/08/bambina-gioca-aperto-parco.jpg?resize=150%2C150Redazione BimbonaturaleCrescereSliderStudi e notiziebenessere,educazione,infanzia,pedagogiaI bambini passano all'aria aperta meno tempo dei prigionieri di alta sicurezza. Sembra una battuta invece è il risultato a cui sono giunti i ricercatori di uno studio australiano finanziato dal produttore di detersivo per il bucato Persil/Omo. Sebbene questo sia uno studio svolto in Australia, anche se lo stesso...