crochi marzoA marzo la primavera comincia a bussare alle porte:  le giornate si allungano, la temperatura diventa più gradevole e si risveglia il desiderio di passare più tempo all’aperto.

Ritroviamo il giardino di marzo un po’ come l’avevamo lasciato all’inizio dell’inverno: sicuramente ancora spoglio, ma con un fermento appena precedente all’esplosione della fioritura imminente.

In primavera, se abbiamo lavorato a questo in autunno, potremo cominciare a godere delle prime fioriture dei bulbi: crochi, bucaneve, anemoni…

Vediamo quali cure necessitano il nostro giardino e orto didattico di marzo e quali attività didattiche possiamo proporre ai bambini in questo periodo.

I lavori nell’orto di marzo

Cosa si raccoglie a marzo nell’orto didattico

A marzo, così come a gennaio e febbraio, si potranno raccogliere ancora gli ortaggi tipici dell’inverno: soprattutto le crucifere, con cavoli, cavolfiori e verze, ma anche le aromatiche sempreverdi, come alloro, salvia e rosmarino, e le insalate invernali, oltre a porri e finocchi.

Giardino e orto didattico, i lavori di Febbraio
Giardino e orto didattico, i lavori di Gennaio

A marzo è possibile seminare

In letti caldi o serre:  sedani, zucchine, cavoli estivi, peperoni,pomodori, cetrioli, angurie, meloni, melanzane e basilico.
In piena terra: spinaci, valeriana, rucola, zucche, fagioli, rape, carote, cipolle, cicoria, bieta, lattughe, porri, piselli e prezzemolo.

 

Idea didattica: la predisposizione dell’orto, imparare la rotazione degli ortaggi

Rotazione dell’orto su base quadriennale

 

Famiglia Alcune Specie di questa famiglia

Informazioni

Leguminose Fagioli, fagiolini, piselli, fave, ceci, lenticchie Le leguminose, grazia alla capacità di fissare l’azoto con le loro radici, migliorano la fertilità della terra.  Molti agricoltori seminano nel periodo invernale  la veccia sativa (leguminosa) insieme ad altre piante come avena, favino, pisello etc. che vengono interrate in primavera (pratica del sovescio) per donare nutrienti al terreno in modo naturale.
Solanacee Pomodoro, melanzana, peperone, peperoncino, patata Le solanacee richiedono grandi quantità di sostanze nutritive, quindi non devono mai essere piantate nello stesso luogo per più anni di seguito. Possono seguire nella rotazione alle leguminose.
Cucurbitacee Zucchino, zucca, cetriolo, melone, anguria Richiedono grandi quantità di sostanze nutritive. Necessitano di un terreno ricco e ben lavorato, possono seguire le leguminose.
Crucifere Cavoli, verze, ravanelli, rucola broccolo, cavolfiore Amano un terreno ricco, ma possono diventare coltivazioni di lunga durata (cavoli e verze) o intercalari (ravanello e rucola).
Liliacee Cipolla, aglio, scalogno, porro, asparagi Un ‘eccessiva concimazione riduce la resistenza al gelo, andrà perciò bene per loro quella derivante dalle coltivazioni precedenti.
Ombrellifere Carote, sedano, finocchio, prezzemolo Non devono essere coltivate dopo le Chenopodiacee.
Chenopodiacee Spinaci, bietole Non prima delle Solanacee e delle Ombrellifere, queste piante necessitano di un terreno non troppo ricco, perché tendono ad accumulare i nitrati nelle foglie.
Composite Cardo, cicoria, lattughe, radicchi Apprezzano terreni ricchi di sostanza organica, ma solo ben matura. E’ un errore diffuso ripeterle sullo stesso appezzamento.
Rosacee Fragole Le fragole possono restare allo stesso posto per 3-4 anni. Dopo vanno rinnovate e spostate.

Un esempio di come effettuare la rotazione

cetriolo disegno
PRIMO ANNO Concimazione con piante leguminose: cece, fagiolino, fagiolo, fava, pisello ortaggi da frutti cetriolo, fagiolo, fagiolino, fava, melanzana, melone, pisello, peperone, pomodoro, zucca, zucchino.
pomodoro disegno
SECONDO ANNO Piante esigenti: cardo, cavolo, cetriolo, melanzana, patata, pomodoro, porro, sedano, zucca, zucchina ortaggi da foglia cavoli in genere, cicoria, finocchio, insalata, radicchio, rucola, sedano, spinacio.

peperoni disegno
TERZO ANNO Piante mediamente esigenti: aglio, barbabietola, cipolla, finocchio, lattuga, peperone, porro, ravanello ortaggi da radice aglio, barbabietola, carota, cipolle, patata, porro, ravanello, rapa, sedano rapa.

carota disegno
QUARTO ANNO Piante poco esigenti: carota, erbe aromatiche, spinacio ortaggi da fiori cavolfiore, piante aromatiche come camomilla, calendula, aneto, malva, borragine, maggiorana.

Anche se non si riesce ad effettuare la rotazione completa, si deve ricordare che ci sono piante che non vanno coltivate mai più di un anno nello stesso posto: aglio, cardo, carota, cavolfiore, verza, cetriolo, fagiolo, lattughe, melone, patata, peperone, pisello, prezzemolo, sedano, spinacio, zucca.

 

 

Idea didattica: l’albero di Pasqua

albero di pasqua
L’ALBERO DI PASQUA –  Non solo abete di Natale, anche da noi è arrivata la passione per l’albero di Pasqua, molto usato nei paesi nordici, che simboleggia la rinascita e augura prosperità. Anche in questo caso è tradizione addobbare l’albero di Pasqua, con uova da appendere, fiori di lana cardata o cera, colombine e leprottini, tutti simboli di Pasqua. Scopri di più su Attività con i bambini: addobbare l’albero di Pasqua
Libri consigliati
Giardino&orto terapia
Coltivando la terra si coltiva anche la felicità
Il giardino dei sensi
Introduzione all'ortoterapia
Coltivare orti, balconi e giardini ecologici
Orto
Dal balcone al campo, come coltivare con successo
Prodotti utili
https://i0.wp.com/blog.bimbonaturale.org/wp-content/uploads/2016/03/crochi-marzo.jpg?fit=960%2C640https://i0.wp.com/blog.bimbonaturale.org/wp-content/uploads/2016/03/crochi-marzo.jpg?resize=150%2C150Redazione BimbonaturaleOrto e giardinoSliderortoA marzo la primavera comincia a bussare alle porte:  le giornate si allungano, la temperatura diventa più gradevole e si risveglia il desiderio di passare più tempo all'aperto. Ritroviamo il giardino di marzo un po' come l'avevamo lasciato all'inizio dell'inverno: sicuramente ancora spoglio, ma con un fermento appena precedente all'esplosione...