educareTroppo spesso viene confusa la parola educazione (dal latino e-ducere, condurre fuori, cioè portare alla luce l’essenza di quel singolo essere umano) con la parola istruzione (dal latino in-struere, strutturare dentro, cioè dare una forma interna, costruire, scrivere dentro).

La scuola e spesso i genitori stessi, si preoccupano molto di “scrivere dentro” ma poco di “tirare fuori”, cioè di avere il rispetto di tirarsi a volte indietro di fronte alla meravigliosa individualità del proprio bambino, che si vorrebbe il più possibile vicino all’idea che noi ci siamo fatti di lui.

Secondo Feldenkrais, lo scopo dell’educazione dovrebbe essere quello di “aiutare l’individuo a diventare un essere in grado di evolversi” e in grado di spezzare i retaggi della dipendenza.

Esistono dei meccanismi emotivi che conducono a comportamenti ereditati dalla società, dalla famiglia, dalle proprie esperienze passate: questi comportamenti, in quanto automatismi acquisiti, ci impediscono di raggiungere il nostro più completo potenziale.

Scopo dell'educazione dovrebbe essere quello di liberarci dai retaggi della dipendenza, per arrivare a una nuova visione e consapevolezza dell'uomo e del mondo.

Educazione e libertà

L’idea di educazione come strumento per creare degli uomini liberi è molto comune tra i grandi pedagogisti dei nostri tempi, pensiamo per esempio alla più grande pedagogista italiana, Maria Montessori, che identifica il bambino come essere completo, capace di sviluppare energie creative e possessore di disposizioni morali (come, per esempio, giustizia e amore), che l’adulto ha ormai compresso dentro di sé rendendole inattive.

scuola-montessori-gruppi-misti
METODO MONTESSORI – Secondo Maria Montessori il principio fondamentale dell’educazione deve essere la libertà dell’allievo, poiché solo la libertà favorisce la creatività del bambino già presente nella sua natura. Scopri di più su I principi della pedagogia Montessori, come educare i bambini alla libertà

 

scuola waldorf
METODO WALDORF (SCUOLA STEINERIANA) – Rudolf Steiner invece riteneva l’educazione un’arte e proprio l’arte, come via verso lo spirituale, strumento per portare nella realtà della vita quotidiana la luce dell’ideale. “Il nostro obiettivo: elaborare una pedagogia che insegni ad apprendere, ad apprendere per tutta la vita dalla vita stessa.” Scopri di più su L’educazione dei figli, secondo R. Steiner

Educazione e Istruzione

L’educazione intesa nella sua accezione più nobile ed elevata dovrebbe portare l’essere umano ad essere realmente se stesso e a raggiungere il suo scopo di vita.

Questo però non si può raggiungere se al contempo l’adulto non riesce a dare una “struttura” al bambino e qui educazione e istruzione inevitabilmente di intersecano: il genitore, l’educatore, l’insegnante dovranno essere capaci di condurre il bambino ad essere se stesso, senza però confondere questo col “lasciarlo a se stesso”: un bambino che non viene mai ripreso, libero di fare sempre ciò che desidera, non sarà un essere umano libero, ma un essere umano in balia dei propri istinti.

L'essere in grado di educare dipende spesso dal proprio grado di auto-educazione: quanto abbiamo raggiunto la nostra interiorità, e quanto siamo ben saldi nel mondo, influisce molto sul rapporto con i nostri bambini, che imparano molto di più da come noi viviamo che da quanto diciamo loro.

Allora crescere e continuare a migliorarci come esseri umani è probabilmente il modo migliore per lavorare, in modo indiretto, a una sana educazione infantile.

Libri consigliati
L'Educazione dei Figli
"Non insegnamo basandoci su regolamenti e programmi ma attingendo a quanto è vivente"
Educazione e Libertà
Non c'è crescita senza l'opportunità di fare esperienza
Che cosa ne sarà di Mio Figlio?
L'Educazione per l'Uomo
Educazione nella Prima Infanzia

In casa e all'asilo
https://i0.wp.com/blog.bimbonaturale.org/wp-content/uploads/2015/07/educare.jpg?fit=640%2C426https://i0.wp.com/blog.bimbonaturale.org/wp-content/uploads/2015/07/educare.jpg?resize=150%2C150Redazione BimbonaturaleEducazioneeducazioneTroppo spesso viene confusa la parola educazione (dal latino e-ducere, condurre fuori, cioè portare alla luce l'essenza di quel singolo essere umano) con la parola istruzione (dal latino in-struere, strutturare dentro, cioè dare una forma interna, costruire, scrivere dentro). La scuola e spesso i genitori stessi, si preoccupano molto di 'scrivere...