Si sente spesso parlare di dieta gluten free o senza glutine.

Se la dieta senza glutine è l’unica strada per chi soffre di celiachia, una dieta senza glutine può apportare benefici anche a chi soffre di sensibilità a glutine. Pur in assenza di una diagnosi ufficiale di celiachia, si osserva un generale miglioramento delle condizioni di salute (spariscono gonfiore addominale, coliti, diarrea, flatulenze, nausea) in seguito all’eliminazione degli alimenti contenenti glutine, anche solo per un lasso di tempo limitato.

Dieta povera di glutine

Una dieta povera di glutine sembra far bene a tutti, secondo uno studio apparso su “Nature Communication”: questo tipo di dieta è in grado di modificare il microbioma intestinale, riduce il gonfiore e facilita la perdita di peso, a condizione però che contenga fibre di alta qualità.

La ricerca è stata condotta su 60 adulti sani, tra i 22 e i 65 anni, sottoposti per le prime 8 settimane a un regime alimentare povero di glutine (2 grammi al giorno) e in seguito per altre 8 settimane ad una dieta ad alto contenuto di glutine (18 grammi al giorno). I ricercatori hanno monitorato microbioma e urina dei partecipanti, arrivando alla conclusione che una dieta povera di glutine e ricca di fibre indice cambiamenti nella struttura dell’ecosistema intestinale, diminuendo il gonfiore e favorendo una leggera perdita di peso. Tali benefici erano dovuti non tanto alla sola assenza del glutine quanto alla sua sostituzione con fibre di origine vegetale.

Quando la dieta povera di glutine porta beneficio

Non è tanto la dieta povera di glutine in sé, dunque, a fare bene, quanto il fatto di sostituire alimenti quali pasta, pane, pizza, torte, con alimenti vegetali ricchi di fibre.

Gli errori di chi segue la dieta povera di glutine

  1. Sostituire i normali prodotti da forno con prodotti gluten free confezionati (pane in cassetta, biscotti, merendine), che sono spesso più grassi e ricchi di zucchero.
  2. Sostituire la pasta con il riso, il riso bianco contiene le stesse calorie della pasta e ha un indice glicemico più alto.
  3. Seguire una dieta povera di glutine solo per dimagrire: la perdita di peso è provocata dalla rinuncia di cibi industriali pieni di carboidrati raffinati, come ciambelle, pasta, cracker, salatini e prodotti da forno. È chiaro che sostituirli con verdure, quinoa e riso integrale aiuti a eliminare i carboidrati in eccesso, ma questo non dipende del glutine.

Libri consigliati

Sensibilità al Glutine
Nuove conoscenze e possibilità di cura - Gluten Sensitivity
In Forma senza Glutine
di Elena Nicoli
Senza Glutine
120 ricette di impasti naturali per tutta la famiglia
Free
cucinare senza glutine, latte, uova, zucchero
https://i0.wp.com/blog.bimbonaturale.org/wp-content/uploads/2019/01/cereali-glutine.jpg?fit=960%2C648https://i0.wp.com/blog.bimbonaturale.org/wp-content/uploads/2019/01/cereali-glutine.jpg?resize=150%2C150Redazione BimbonaturaleAlimentazioneSlideralimentazione,gluten freeSi sente spesso parlare di dieta gluten free o senza glutine. Se la dieta senza glutine è l'unica strada per chi soffre di celiachia, una dieta senza glutine può apportare benefici anche a chi soffre di sensibilità a glutine. Pur in assenza di una diagnosi ufficiale di celiachia, si...