cure naturaliTutti noi possiamo sperimentare piccoli malesseri per i quali non sia richiesto l’intervento del medico.

Possiamo imparare a “prenderci cura” dei nostri cari attraverso gli elementi che la natura ci mette a disposizione.

Nella relazione tra corpo fisico, eterico ed astrale deve esserci un EQUILIBRIO che permetta la giusta esplicazione del nostro Io.

Quando questo equilibrio si rompe, parliamo di “malattia”.

"La malattia non è né una crudeltà in sé, né una punizione, ma solo ed esclusivamente un correttivo, uno strumento di cui la nostra anima si serve per indicarci i nostri errori, per trattenerci da sbagli più gravi, per impedirci di suscitare maggiori ombre e per ricondurci sulla via della verità e della luce, dalla quale non avremmo mai dovuto scostarci." E. Bach

Che cosa è il ben-essere e il mal-essere

Ippocrate, già nel IV sec. A.C. Aveva già definito la salute come l’”equilibrio fra tutte le forze che agiscono nell’uomo” e la malattia come “il chiaro disturbo di tale equilibrio”.

Secondo Ippocrate la fonte delle malattie risiede in una sollecitazione unilaterale delle nostre forze a cui segue una perturbazione dell’equilibrio interno. Per tornare a una condizione di stabilità è quindi necessaria una “malattia” che riveste il ruolo ben preciso di “ristrutturante” dell’equilibro perduto.

La malattia è perciò la più potente difesa dell’organismo, questo è ben evidente per esempio nel caso della febbre.

Per lo sviluppo infantile le malattie sono spesso una necessità, perciò esse non dovrebbero essere soppresse, ma assecondate, lavorando in stretto accordo con il medico curante.

Un trattamento in armonia con la natura

Il prendersi cura del bambino presuppone il riconoscere l’unità tra corpo, spirito e anima. L’educazione del bambino, come anche la sua cura è una vera e propria ARTE, che non necessita soltanto di preparazione, ma di costante AUTOEDUCAZIONE.

Prendersi cura di un uomo, e di un bambino, nella sua interezza, presuppone il comprendere il molteplice intrecciarsi dei sintomi del corpo e dell’anima nella loro totalità, cercando di giungere alle cause più profonde della malattia.

I rimedi naturali mirano alla causa che ha determinato la malattia e non agiscono immediatamente bensì provocano nel corpo un cambiamento progressivo, che per essere duraturo necessita di tempo per potersi sviluppare e consolidare.

Affinché l’approccio naturopatico sia efficace si presuppone una collaborazione del paziente, nel caso dei bambini dei genitori, una fiducia nella capacità di auto-guarigione del corpo fisico e una voglia di “mettersi in gioco”, che significa, se necessario, il dover cambiare stile di vita e abitudini alimentari.

L’obiettivo fondamentale della Naturopatia è il raggiungimento dello stato di benessere. Il benessere non coincide con la salute, che è un concetto medico inteso quale “assenza di patologia”. Il benessere è uno stato di totalità, pienezza, vitalità, che comprende il corpo, l’aspetto emotivo, la prontezza e profondità di pensiero, la cura del Sé interiore e dell’espressione del Sé nel sociale e nel mondo.

La Naturopatia è dunque un sistema che integra l’essere umano, non lo vede più come scomposto in tante parti a sé stanti ma come un unico organismo complesso, per questo è completamente diverso dalla “medicina naturale”.

Programma del corso

  • Introduzione
  • Il bambino visto in termini olistici
  • I corpi dell’essere umano
  • La naturopatia nell’infanzia
  • La crescita del bambino secondo la visione olistica
  • Ben-essere e Mal-essere
  • La cura naturale
  • Le cure con le erbe officinali
  • Applicazioni di acqua, cataplasmi, impacchi
  • Le più comuni malattie infantili e il loro trattamento naturale
  • I rimedi della nonna per i disturbi più comuni dell’infanzia

Tutti i corsi brevi sono gratuiti per i soci all’Associazione AINI, la tessera associativa come soci sostenitori richiede un contributo di soli 25 euro.

Scrivici per maggiori informazioni