ormoni nella donnaA partire dall’adolescenza inizia la secrezione degli ormoni sessuali, che accompagnano la donna per tutta la sua vita.

Gli ormoni possono essere visti come dei “messaggeri” che trasmettono informazioni e regolano le funzioni degli organi riproduttivi: gli ormoni femminili: estrogeni e progesterone, prodotti dalle ovaie, sono responsabili della pelosità (pube e ascelle), della crescita del seno e dell’allargamento del bacino. Hanno inoltre una certa influenza sullo sviluppo della struttura ossea, del sistema cardio-vascolare, e del tessuto adiposo.

Oltre a tutti questi aspetti le donne possono essere, e sono, fortemente influenzate dalla ciclicità ormonale.

A volte le donne possono arrivare a sentirsi totalmente sopraffatte dai loro ormoni, come se non avessero il controllo della loro vita,  dice Christiane Northrup, autrice di “Women’s Bodies, Women’s Wisdom”: stress, ansia e anche depressione possono essere fortemente influenzati dai cambiamenti ormonali.

Scopriamo quali sono gli ormoni tipicamente femminili e come influenzano lo stato emotivo generale delle donne.

Gli ormoni femminili

Gli ormoni tipicamente femminili sono estrogeno e progesterone, che vengono prodotti dalle ovaie. ma esistono altri tipi di ormoni, meno conosciuti, che influiscono in modo importante sul benessere e la psiche femminile, per esempio FSH, LH, ma anche testosterone, che pur essendo un ormone tipicamente maschile deve essere presente in determinate quantità anche nella donna.

ormoni femminili

IL CICLO FEMMINILE – Gli ormoni sessuali femminili sono emessi secondo un ordine preciso, che segue uno schema che si ripete ogni circa 28 giorni: per questo si definisce “ciclo”. Gli estrogeni sono prodotti durante la prima metà del ciclo: premettono all’ovulo di maturare fino al momento della sua espulsione, stimolano la produzione del muco cervicale e anche una leggera dilatazione del collo dell’utero, in modo da facilitare l’accesso degli spermatozoi. Dopo l’ovulazione, è il progesterone che prende il sopravvento. Questo ormone prepara l’utero all’impianto dell’ovulo fecondato, mantiene il collo dell’utero chiuso e assicura lo sviluppo delle ghiandole mammarie (è quindi responsabile della tensione al seno che precede le mestruazioni). Se la fecondazione non avviene, il tasso di progesterone cala brutalmente causando la distruzione dell’endometrio: questo provoca il sanguinamento mestruale.

GnRh

E’ l’ormone di rilascio delle gonadotropine (GnRH è acronimo di Gonadotropin Releasing Hormone), è un ormone prodotto dall’ipotalamo che induce il rilascio di gonadotropine(FSH e LH) dall’ipofisi anteriore.

Questo ormone rimane regolato su valori bassi per tutta l’infanzia, fino all’inizio della pubertà.

FSH e LH

LH – L’ormone luteinizzante (LH) è una gonadotropinasecreta dall’adenoipofisi che, nella donna, stimola, insieme alla prolattina, l’ovulazione e la conversione del follicolo ovarico in corpo luteo, una struttura a funzione endocrina che favorisce l’impianto dell’uovo fecondato e il primo mantenimento dello zigote.

FSH – L’ormone follicolo-stimolante (FSH), conosciuto anche come follitropina, nella donna ha la funzione principale di regolare lo sviluppo dei follicoli ovarici e, quindi, di stimolare la produzione di estrogeno e progesterone.

Estrogeni

Gli estrogeni (i maggiori estrogeni nelle donne sono l’estradiolo, l’estriolo e l’estrone) sono i principali ormoni sessuali femminili. Gli estrogeni sono responsabili dei caratteri sessuali femminili, per esempio accelerano il metabolismo, incrementano i depositi di grasso, riducono la massa muscolare, aiutano la formazione delle caratteristiche sessuali secondarie, aumentano la libido e promuovono la crescita e la formazione dell’utero.

Una carenza di estrogeni può causare mestruazioni irregolari, mancanza di mestruazioni, sbalzi d’umore, mancanza di libido, infertilità e menopausa precoce. Gli estrogeni sono prodotti dai follicoli ovarici e dalla placenta. Alcuni estrogeni sono prodotti in altri organi e tessuti in piccole quantità, come il fegato e le ghiandole surrenali.Queste fonti secondarie di estrogeni sono le uniche fonti per l’uomo e per la donna in post-menopausa.

Progesterone

È un ormone sintetizzato dalle ovaie e dal surrene. Dopo l’ovulazione, detta appunto fase luteale (luteinica) o progestinica, il corpo luteo ne produce quantità elevate, per permettere la creazione delle condizioni adatte alla fecondazione della cellula uovo e al suo annidamento nella mucosa uterina (endometrio). Il progesterone esercita inoltre nella donna anche altre funzioni, come modificazioni di struttura e di attività funzionale delle tube e della mammella.

Durante la gravidanza il progesterone viene prodotto in grosse quantità dalla placenta: il progesterone in alte quantità impedisce che avvengano altre ovulazioni.

Durante la gravidanza il progesterone è di fondamentale importanza perché garantisce la secrezione endometriale, inibisce le contrazioni del miometrio (lo strato muscolare liscio al di sotto della tonaca endometriale dell’utero) e soprattutto blocca la risposta immunitaria materna che porterebbe alla fagocitosi dell’embrione riconosciuto come corpo estraneo. è responsabile per la preparazione dell’utero per l’impianto e della diminuzione della risposta immunitaria del corpo, necessaria per una gravidanza.

La deficienza di progesterone è identificata da periodi intensi e irregolari e difficoltà di portare avanti una gravidanza. Possono presentarsi anche aumento di peso nella parte centrale del corpo, sintomi premestruali molto intensi e fatica.

HCG

L’hCG (Human chorionic gonadotropin) o gonadotropina corionica è un ormone prodotto dall’embrione all’inizio della seconda settimana di sviluppo, che ha la funzione di evitare i fenomeni di atresia del corpo luteo, che prende il nome di “corpo luteo gravidico”, il quale ha la funzione di produrre progesterone, indispensabile per i fenomeni di decidualizzazione dell’utero.

Ossitocina

L’ossitocina (OXT)

L’ossitocina è quell’ormone che regala alle donne un comportamento accogliente e “materno”, infatti le donne hanno in media il 30% in più di ossitocina degli uomini.

La produzione di ossitocina aumenta con la stimolazione tattile di seni e capezzoli (reazione uguale a quella dell’allattamento), così come del clitoride. Stimola la produzione di prolattina e la liberazione di dopamina durante l’orgasmo che risulta più intenso.

Esperimenti condotti sugli animali (Panskepp, 1998) hanno dimostrato che un aumento di ossitocina crea un comportamento materno in femmine non gravide, mentre nei maschi bassi livelli di ossitocina provocano aggressività, indifferenza al distacco dalla madre e assenza di attaccamento sociale.

Prolattina

La prolattina è l’ormone primario responsabile della lattazione delle ghiandole mammarie. L’ormone aiuta anche lo sviluppo del feto durante una gravidanza e contrasta e conclude l’eccitazione sessuale.

La deficienza di prolattina comporta lattazione inadeguata, disturbi mestruali, pubertà ritardata, perdita di capelli e fatica.

Testosterone

Nonostante sia conosciuto come l’ormone sessuale primario maschile, si trova in certe quantità anche nell’organismo femminile. Nelle donne, contribuisce alla libido ed è responsabile di acne, leggero cambiamento della voce, e completamento della crescita durante la pubertà.

La deficienza di testosterone nelle donne porta a una mancanza di libido, frigidità, pelle eccessivamente secca e capelli fragili.

ciclo-luna
IL CICLO DELLA LUNA – Ciclo femminile e ciclo lunare sono sempre stati messi in forte relazione in tutte le culture e fasi storiche: la luna ha un ciclo di 28 giorni, esattamente come quello femminile. Così come possiamo dividere il ciclo della luna in 4 fasi principali, così possiamo fare col ciclo femminile. Scopri di più su Il ciclo mestruale o ciclo della luna, una visione olistica dell’universo femminile

Ormoni femminili e sbalzi d’umore

Pubertà e ormoni

A partire dalla pubertà gli ormoni hanno un grande peso su sviluppo e cambiamenti fisici, e non solo, nella donna.

Con la pubertà l’ipotalamo inizia a rilasciare in quantità sempre maggiori un ormone chiamato GnRH, che stimola la ghiandola pituitaria alla produzione di LH e FSH, che a loro volta causano la produzione da parte delle ovaie di estrogeni e progesterone.

Durante la pubertà, gli estrogeni stimolano lo sviluppo del seno e permettono a vagina, utero e tube di Falloppio di maturare. Inoltre agiscono sui caratteri sessuali detti secondari, ovvero la distribuzione del grasso corporeo, lo sviluppo muscolare e osseo. 

ragazza adolescente
ORMONI E PUBERTÀ – La fase della pubertà induce forti cambiamenti nell’organismo femminile, portando a un forte cambiamento nell’equilibrio ormonale e causando disagi anche molto pesanti: irrequietezza, tristezza, fino ad arrivare a stati depressivi.

 

 

 

Ciclo mestruale e ormoni

I giorni precedenti al sanguinamento mestruale vedono dei grossi cambiamenti ormonali che si ripercuotono sul benessere e l’umore della donna: cessa la produzione di estrogeni e vi è un aumento di progesterone.

donna
CICLO E UMORE – Prima di ogni mestruazione si verifica un “crollo”, assolutamente fisiologico, degli estrogeni, con un aumento del progesterone. Il progesterone tende a produrre gonfiore, spasmi muscolari, tristezza e nervosismo. La carenza di estrogeni, inoltre, è correlata alla riduzione nella produzione di endorfine, “gli ormoni del benessere” e di dopamina, ormone responsabile del desiderio, sia a livello sessuale sia a livello pratico e mentale. leggi anche Sindrome premestruale: cos’è, il significato psicosomatico, la dieta consigliata e i rimedi naturali

Post parto e ormoni

Dopo il parto i livelli di estrogeni, progesterone e altri ormoni crollano bruscamente, provocando una serie di cambiamenti fisici e psicologici: l’utero si contrae per ritornare alla sua dimensione, il tono muscolare pelvico cambia e il volume di sangue circolante ritorna alla normalità.

post parto baby blues
POST PARTUM E BABY BLUES – Appena dopo il parto i livelli di estrogeni e progesterone crolla in modo drastico, causando irritabilità, stanchezza, ansia, per un periodo di circa 2 settimane. Questo può scatenare l’inizio del “baby blues”, termine coniato da Winnicot per descrivere una condizione tipica della donna dopo il parto causata da cambiamenti ormonali e stress psico-fisico causato da un cambiamento così drastico quale una maternità. Il baby blues si caratterizza come uno stato non patologico che si distingue dalla ben più grave depressione post partum, che colpisce il 10% circa delle puerpere nei 6 mesi successivi al parto.

Menopausa e ormoni

Infine, tra i momenti della vita di una donna in cui i cambiamenti ormonali influenzano l’umore, ricordiamo la menopausa.

L’età media in cui una donna raggiunge la menopausa è 52 anni. La menopausa che compaia prima dei 40 anni è detta menopausa precoce o insufficienza ovarica prematura.

Dai 40 anni in avanti il normale funzionamento ovarico inizia a deteriorarsi, per questo il suo ciclo mestruale può modificarsi e diventare irregolare.

MENOPAUSA E ORMONI – La mancata produzione di estrogeni che si verifica in menopausa può provocare disagi, sia fisici sia psicologici, come vampate di calore e sudorazioni notturne, aumento del rischio di malattie cardiache e osteoporosi, secchezza vaginale, dolore durante i rapporti sessuali, infezioni urinarie ricorrenti e incontinenza. Possono inoltre presentarsi   depressione, irritabilità e scarsa concentrazione. Scopri di più su Sintomi della menopausa, i rimedi naturali per alleviarli

Come equilibrare gli ormoni femminili in modo naturale

Libri consigliati
Mestruazioni
La forza di guarigione del ciclo mestruale dal menarca alla menopausa
Questione di ormoni
Ritrova te stessa e l'equilibrio del tuo corpo con un metodo naturale su misura per te
La luna rossa
Capire e usare i doni del ciclo mestruale
https://i0.wp.com/blog.bimbonaturale.org/wp-content/uploads/2016/03/ormoni-femminili.jpg?fit=846%2C595https://i0.wp.com/blog.bimbonaturale.org/wp-content/uploads/2016/03/ormoni-femminili.jpg?resize=150%2C150Serena RocchiBenessereSliderdonna,psicologiaA partire dall'adolescenza inizia la secrezione degli ormoni sessuali, che accompagnano la donna per tutta la sua vita. Gli ormoni possono essere visti come dei 'messaggeri' che trasmettono informazioni e regolano le funzioni degli organi riproduttivi: gli ormoni femminili: estrogeni e progesterone, prodotti dalle ovaie, sono responsabili della pelosità (pube e ascelle), della crescita...