bambino caneBambini, animali e piante sono fatti per vivere insieme. Quale ispirazione e fonte di amore sono per il bambino l’incontro con altri esseri viventi di questa terra!

Spesso un cane arriva prima dei bambini e i futuri neo-genitori possono avere dei dubbi su come gestire la convivenza, ma a volte sono i bambini stessi a richiedere un cucciolo di cane e anche in questo caso occorre comportarsi nel modo corretto per evitare inconvenienti e difficoltà.

Il cane è un animale assolutamente pacifico, che preferisce evitare lo scontro, ed è davvero il miglior amico dell’uomo e del bambino.

Io, quando i miei figli sono fuori da soli col nostro pastore tedesco, sono tranquillissima: lui li difende, gioca con loro, fa loro tante coccole e feste, mi avvisa se c’è qualche pericolo. Il cane è un vero angelo custode per i bambini.

Eppure quanti casi abbiamo sentito di cani aggressivi, oppure di cani buonissimi che hanno avuto una reazione insolita?

L’indole del cane

Il tassello mancante in questi due opposti è quello della conoscenza reale dell’animale, dei suoi segnali e dell’educazione dei bambini a capire i segnali del cane e a rapportarsi  correttamente con lui.

La possibilità di conoscere bene il cane, ma anche altri animali domestici, non solo ha una funzione di “protezione” da guai evitabili, ma ha anche una funzione “preventiva” nei confronti dell’abbandono degli animali: il bambino che conosce e sa rapportarsi con l’animale in modo rispettoso, con attenzione e amore, difficilmente ne abbandonerà uno quando sarà grande.

Perché un bambino piccolo può essere visto come una minaccia dal cane

Il bambino piccolo ha un odore diverso dall’adulto, ha movimenti strani e a scatti, emette gridolini acuti. Tutto quanto possa farlo somigliare a una preda. Se poi corre o scappa, può far scattare l’istinto predatorio del cane.

Gli animali hanno sviluppato spesso delle forme di comunicazione che permettono di evitare attacchi e lotte inutili e pericolose per l’individuo stesso. Non sopravvive il cane maschio più rissoso, ma quello che saprà meglio dosare la capacità di attaccare e di sottomettersi.

Quindi sarà semplice far convivere felicemente il nostro bambino con il cane di casa o fargli  imparare come comportarsi con i cani estranei.

Con il cane di casa

Con il cane di casa bene alle affettuosità, ma attenzione a tirare coda e orecchie, a lanciare oggetti, ad abbracciare il cane non lasciandogli via di fuga.

Questi atteggiamenti, che sono “permessi” all’essere umano adulto, visto dal cane come il più forte, potrebbero non sortire lo stesso risultato da parte del bambino. Sono infatti segnali di predominanza, che il cane potrebbe mal interpretare come obbligo alla sottomissione.

Con i cani sconosciuti

Con i cani non conosciuti occorre chiedere il permesso al padrone prima di accarezzare o toccare, chinarsi all’altezza dell’animale e fargli annusare la mano aperta, di modo che non si senta minacciato.

 

bimba cane
BAMBINI E ANIMALI, REGOLE DI CONVIVENZA – Leggi anche: I bambini e gli animali, le regole di convivenza.

I segnali del cane

Esistono dei veri e propri segnali che il cane ci invia, per es. nel libro L’intesa col cane di Turid Rugaas, si parla di comunicazione bidirezionale.

“…Quindi io spero che iniziate ad osservare, a capire meglio il vostro cane e sentirvi più vicini alla perfetta relazione uomo-cane. Finora tale relazione è stata sostanzialmente a senso unico: noi chiediamo e lui risponde. Capire il suo linguaggio può non essere ancora sufficiente per la perfetta relazione, ma è un gran passo nella giusta direzione. Ogni volta che incontri o sei con un cane puoi scegliere: essere minaccioso o essere calmante. Non vi è assolutamente mai motivo, mai nessuna scusa, che giustifichi la minaccia, l’intimidazione, o peggio la punizione.”

I cani, come tutti sappiamo, comunicano in modo molto diverso dal nostro.

Mentre gli esseri umani utilizzano principalmente la comunicazione verbale, i cani si avvalgono principalmente della comunicazione olfattiva e di quella visiva.

Sono soprattutto le posture che permettono ai Cani di comunicare tra loro e con noi: la posizione delle orecchie, della coda, lo sguardo, ecc. hanno molti e differenti significati. Imparare a “parlare” la loro lingua sarà importante per noi e per loro se, come diceva Gandhi, il livello di civiltà di un popolo si misura dal rispetto che esso nutre per gli animali.

“…Essere capaci di comunicare, essere realmente capiti dai cani, è una sensazione stupenda sia per le persone sia per i cani. I “segnali calmanti” sono la chiave, e vedere attraverso quella porta aperta è stato per me come vivere il sogno dell’infanzia del parlare con gli animali.”
cane bambino
I CANI SENTONO QUELLO CHE PROVIAMO – Gli ultimi studi provano che i cani sono in grado di riconoscere le emozioni provate dall’essere umano, basandosi sulle informazioni provenienti dal tono di voce e dall’espressione corporea, come per esempio vedere un viso sorridente o un viso arrabbiato. Gli studi sono stati condotti all’Università di Lincoln, in Inghilterra, e all’Università di San Paolo, in Brasile e pubblicati sulla rivista della Royal Society “Biology Letters”.
Libri consigliati
Pet Therapy - Il Potere di Guarigione degli Animali
Quando avere un animale per amico può migliorare le condizioni di vita e di salute
Pet Therapy - Gli Animali che Curano
Terapie e attività svolte con l'aiuto degli animali per la salute fisica e psicologica
Come capire il cane
Guida alla comprensione del suo linguaggio
Bambini e Animali
Le radici dell'affetto e della crudeltà
https://i0.wp.com/blog.bimbonaturale.org/wp-content/uploads/2015/04/bambino-cane.jpg?fit=640%2C480https://i0.wp.com/blog.bimbonaturale.org/wp-content/uploads/2015/04/bambino-cane.jpg?resize=150%2C150Redazione BimbonaturaleBambini e animaliinfanzia,pet therapyBambini, animali e piante sono fatti per vivere insieme. Quale ispirazione e fonte di amore sono per il bambino l’incontro con altri esseri viventi di questa terra! Spesso un cane arriva prima dei bambini e i futuri neo-genitori possono avere dei dubbi su come gestire la convivenza, ma a volte...