Le allergie alimentari, in base alle ultime stime, interessano una percentuale di persone tra l’1,9 ed il 2,5%. Nei bambini sotto l’età scolare la percentuale aumenta fino al 7%.

In Italia si possono contare oltre 2 milioni di persone che soffrono di qualche allergia alimentare, delle quali circa 600 mila sono bambini.

allergia
ALLERGIA O INTOLLERANZA? – Il termine “allergia” comporta sempre il coinvolgimento del sistema immunitario: si intende quindi una reazione anomala, di cui è responsabile il sistema immunitario, nei confronti di uno o più alimenti riconosciuti come pericolosi per l’organismo. L’intolleranza alimentare è invece una una condizione ben diversa in cui non vi è implicazione del sistema immunitario, ma una sorta di cattiva digestione di alcuni alimenti. Nell’intolleranza si verifica una sorta di  ipersensibilità verso alcuni alimenti, per esempio nel caso del latte vi può essere un’intolleranza al lattosio, che dipende dalla carenza a livello digestivo di enzimi adatti alla digestione di quel particolare alimento. Scopri di più Allergie e intolleranze alimentari: scopri quali alimenti possono farti male e perché

La comunità scientifica si interroga da anni sul migliore svezzamento da proporre ai bambini considerati “ad alto rischio allergia” a causa di familiarità con soggetti allergici.

Abolire cibi “allergizzanti” fin dallo svezzamento?

In caso di familiarità con allergie alimentari, meglio introdurre alimenti a rischio fin da subito nella dieta del bambino, oppure eliminare i possibili allergeni così da non far sviluppare al bambino la reazione allergica?

svezzamento
ALIMENTI A RISCHIO SI O NO? – Se in Europa il consiglio dei medici e dei pediatri è sempre stato quello di procedere con uno svezzamento “normale” anche in caso di forte rischio di allergie, negli Stati Uniti le linee guida prescrivevano uno svezzamento speciale per bambini a rischio allergia: eliminare dalla dieta tutti i cibi considerati fortemente allergizzanti, come ad esempio la frutta secca.

Lo studio

Uno studio condotto su bambini fortemente a rischio allergia alimentare, pubblicato sul New England Journal of Medicine dimostra che il miglior modo di scongiurare una eventuale allergia alimentare è rispettare il calendario normale di svezzamento.

svezzamento 2
SI ALLO SVEZZAMENTO NORMALE – Si è dimostrato che nei bambini, ad alto rischio allergia,  svezzati senza restrizioni dietetiche la probabilità di incorrere in una allergia alimentare subisce un crollo dell’80% rispetto ai bambini svezzati senza alimenti a rischio allergia.

La “finestra di opportunità” della prevenzione

La “finestra di opportunità” della prevenzione è proprio il periodo dai 6 ai 12 mesi, in cui l’esposizione ai cibi potenzialmente allergizzanti è protettiva perché favorisce la tolleranza immunitaria.

Se si escludono dalla dieta particolari alimenti, come uova, latte, noccioline perché per esempio il bambino soffre di dermatite atopica (che colpisce soprattutto i soggetti a forte rischio allergia) l’organismo non potrà mai conoscere questi alimenti e non potrà sviluppare la cosiddetta tolleranza immunitaria. Perciò il bambino che viene in contatto con questi alimenti per via topica (attraverso la pelle) sviluppa una reazione anomala.

biberon neonato
SE IL BAMBINO E’ INTOLLERANTE AL LATTE – Allergie e intolleranze del bambino al latte vaccino, che differenza c’è, come si manifestano, cosa fare

Come prevenire le allergie

Le regole per la prevenzione delle allergie interessano soprattutto la mamma, che prima e durante la gravidanza dovrà seguire queste linee guida:

no fumo vietato fumare
NO AL FUMO – La mamma non dovrebbe fumare né prima né durante la gravidanza. Scopri di più Vuoi salvaguardare la salute del tuo bambino? I nove mesi di gravidanza e i primi due anni di vita del bambino sono fondamentali. Ecco le linee guida.
si alla verdura
SI A UNA DIETA RICCA DI ANTIOSSIDANTI – In gravidanza e allattamento è importante seguire una alimentazione ricca di alimenti antiossidanti, senza restrizioni. Scopri di più su Alimentazione in gravidanza e La dieta bilanciata per la mamma che allatta
si al sole vitamina d
SI AL SOLE – Importante seguire una corretta esposizione al sole per non avere carenze di vitamina D, un prezioso immunomodulante. Scopri di più su L’incredibile importanza della vitamina D
 Libri consigliati
Le allergie
Cause, diagnosi e terapie
Allergie e intolleranze alimentari
Il grande Libro delle Ricette Senza Lattosio e Proteine del Latte
Latte? No, Grazie
Le allergie nei bambini
Come prevenirle - Terapie e consigli pratici - I principali test allergoloci
Dieta Contro le Allergie
Esperienze fondamentali e pratiche ricette dietetiche
https://i1.wp.com/blog.bimbonaturale.org/wp-content/uploads/2016/07/si-alla-verdura.jpg?fit=881%2C529https://i1.wp.com/blog.bimbonaturale.org/wp-content/uploads/2016/07/si-alla-verdura.jpg?resize=150%2C150Redazione BimbonaturaleAlimentazioneSlideralimentazione,benessere,infanziaLe allergie alimentari, in base alle ultime stime, interessano una percentuale di persone tra l’1,9 ed il 2,5%. Nei bambini sotto l’età scolare la percentuale aumenta fino al 7%. In Italia si possono contare oltre 2 milioni di persone che soffrono di qualche allergia alimentare, delle quali circa 600 mila sono bambini. La comunità...