neonatoSi comincia  a parlarne più spesso ma  non è certo così facile per le neo-mamme ammettere di soffrire di malinconia dopo il parto. Il baby blues, che colpisce dopo 3 o 4 giorni dal parto, è un evento naturale e molto comune, compare in certi momenti della giornata e tende a scomparire dopo circa 15 giorni.

Solo se non viene individuato o superato può diventare una vera e propria depressione post-partum. Le alterazioni dell’umore colpirebbero il 70% circa delle neomamme, mentre la vera depressione post-partum il 15% circa delle puerpere.

Le cause del baby blues

Possiamo riconoscere cause ormonali, ma anche “ambientali”: il fatto che tutti si aspettino la perfezione dalla neo-mamma, la mancanza di coccole e di supporto, le richieste pressanti del neonato, la mancanza di una comunità di supporto, sta portando oggi ai livelli più alti di sempre questo disturbo.

Le mamme oggi si sentono sempre più sole e sempre più giudicate.

Come comportarsi in caso di baby blues

In linea di massima il baby blues scompare da sé appena si riesce a trovare un ritmo e un’intesa col neonato, ma se sentiamo di non farcela chiediamo aiuto e supporto e ascoltiamoci dentro.

Prima di ricorrere ai farmaci ci sono molte cose che una mamma può tentare, meglio se sostenuta da uno specialista.

La mamma perfetta non esiste

La parte più importante sta nel riconoscere che le mamme perfette non esistono (e io dico sempre che se esistessero, i figli rinfaccerebbero loro di essere troppo perfette!).

Concediamoci di sbagliare e di non avere tutto sotto controllo, non dobbiamo dimostrare niente a nessuno.

Saper chiedere aiuto

Non è un disonore avere bisogno di un supporto quando si hanno dei bambini molto piccoli: fino a pochi anni fa intorno alla mamma si stringeva tutta la comunità, che portava da mangiare, chi curava i figli più grandi…

Chiedi aiuto alla tua famiglia, se non hai nessuno disponibile puoi chiedere il supporto di una doula (secondo gli studi la presenza di una doula accanto alla mamma diminuisce significativamente l’insorgenza della depressione)

Cercare un aiuto per le faccende domestiche, in modo da potersi concentrare solo sul bambino per qualche tempo.

Tempo per se stessa

Allattamento

Soprattutto all’inizio è importante favorire l’allattamento a richiesta, ma soprattutto in caso di baby blues cerca di offrire il seno a intervalli regolari.

Gli studi confermano che la prolattina favorisce il mantenimento di un profondo stato depressivo. Finché la prolattina e’ alta non possono alzarsi i livelli di estrogeno, per es., che garantiscono il benessere fisico ed emotivo della donna.

Meglio allattare un po’ meno frequentemente ma garantirci la salute mentale!

Relax

Concediamoci momenti di relax per noi stesse (anche insieme al nostro bambino): ascoltiamo musica, andiamo a passeggio, facciamo yoga mamma-bimbo, partecipiamo a un corso di massaggio infantile, andiamo in piscina, etc.

Alimentazione

Non fate mai mancare frutta e verdura fresca e alimenti ricchi di magnesio e vit. del gruppo B.

Il baby blues non è prerogativa delle mamme: secondo lo studio della Eastern Virginia Medical School di Norfolk, pubblicato sul Journal of American Medical Association, la depressione post-partum dei papà interessa il 10% degli uomini nei periodi strettamente pre e post natale, ma la percentuale arriva fino al 25% quando il bambino ha tra i 3 e i 6 mesi di vita.

Rimedi naturali

Fiori di Bach

  • Rescue Remedy, per i primi giorni di emergenza 4 gocce sotto la lingua al bisogno leggi il nostro speciale sul Rescue Remedy
  • Red Chestnut aiuta per le preoccupazioni eccessive legate al neonato
  • Mustard per la malinconia oscura
  • Lurch per l’insicurezza.

Aromaterapia

Gli oli essenziali più indicati sono:

  • Lavanda, riequilibra, armonizza, calma, rinfresca e disinfetta
  • Arancio dolce, riequilibrante e rilassante
  • Rosa, ha proprietà antidepressive, stimolanti, rivitalizzanti e sedative
  • Bergamotto, calma e dà vitalità al corpo e allo spirito
Usateli nel diffusore oppure mettere qualche goccia sul cuscino prima di coricarsi. Non addosso in quanto il neonato ha necessità di riconoscere il vostro odore.

leggi il nostro articolo sull' aromaterapia per mamma e bambino

Fitoterapia

Sono indicate tisane o tinture madri a base di:

  • biancospino, ha un’azione sedativa in situazioni ansiose.
  • iperico, ha un’azione rilassante, è usato contro la depressione, insonnia e le contratture muscolari che creano spesso dolori cervicali e conseguente mal di testa.
  • verbena odorosa (lippia citriodora), col suo aroma frizzante porta buonumore e allegria.

Libri consigliati

Quando le madri non sono felici
La Depressione Post-Partum
Come vincere la Depressione durante e dopo la Gravidanza

Prodotti utili

Fiori di iperico biologici
Tisana rilassante, antidepressiva naturale
Biancospino - Estratto Idroalcolico
Dona speranza, rilassa, libera da attaccamenti emotivi.
Verbena odorosa bio
Per infuso
Bergamotto bio
Olio essenziale puro
https://i0.wp.com/blog.bimbonaturale.org/wp-content/uploads/2015/04/neonato2.jpg?fit=640%2C426https://i0.wp.com/blog.bimbonaturale.org/wp-content/uploads/2015/04/neonato2.jpg?resize=150%2C150Redazione BimbonaturaleGravidanza e pueperioSlidergravidanza,infanzia,naturopatia,papàSi comincia  a parlarne più spesso ma  non è certo così facile per le neo-mamme ammettere di soffrire di malinconia dopo il parto. Il baby blues, che colpisce dopo 3 o 4 giorni dal parto, è un evento naturale e molto comune, compare in certi momenti della giornata e tende...