L’acqua ossigenata dovrebbe essere presente in tutte le case e da preferire, soprattutto in presenza di bambini, a qualsiasi altro prodotto disinfettante.

disinfettare ferita
ACQUA OSSIGENATA, IL MIGLIOR DISINFETTANTE – Secondo Altroconsumo l’acqua ossigenata è la scelta più sicura e più economica, soprattutto se comprata al supermercato, rispetto che in farmacia. Tutti gli altri disinfettanti, salvo diversa prescrizione medica, sono decisamente meno indicati, alcuni perché non adatti a disinfettare la pelle ferita, altri per il loro scarso potere battericida, altri ancora perché possono presentare effetti indesiderati.

Scopriamo insieme cos’è l’acqua ossigenata e qual è il suo uso come disinfettante.

Cos’è l’ acqua ossigenata

L’acqua ossigenata che tutti conosciamo e abbiamo in casa chimicamente porta il nome di perossido di idrogeno (H2O2). Chimicamente si differenzia dalla comune acqua (H2O) per la presenza di un atomo in più di ossigeno. La sua invenzione si deve al francese Louis Jacques Thénard, che la sintetizzò per la prima volta nel 1818.

acqua ossigenata
PEROSSIDO DI IDROGENO – L’acqua ossigenata si presenta, a temperatura ambiente, come liquido incolore, acquoso, corrosivo, che emana un caratteristico odore pungente. Per questo non è mai utilizzato puro, ma in soluzione acquosa.

I volumi dell’acqua ossigenata

In commercio il perossido di idrogeno è presente solo in diluizione in soluzione acquosa. A seconda della percentuale di perossido di idrogeno disciolta in acqua parliamo di acqua ossigenata a volumi differenti.

Solitamente in chimica si indica la percentuale dell’acqua ossigenata in soluzione acquosa, mentre in commercio per uso domestico troviamoindicati i “volumi”.

  • Perossido di idrogeno 3% =  volumi 10
  • Perossido di idrogeno 3,6%= volumi 12
  • Perossido di idrogeno 10% = volumi 34
  • Perossido di idrogeno 30% = volumi 111
  • Perossido di idrogeno 40% = volumi 154

volumi acqua ossigenata

Usi comuni dell’acqua ossigenata

Disinfettante

L’acqua ossigenata viene comunemente usata come disinfettante in caso di escoriazioni, ferite e ulcere. Si utilizza in misura che varia dal 3% al 6% (10-20 volumi) mentre dosi maggiori possono venire utilizzate solo da esperti (per esempio nello sbiancamento dei denti o dei capelli).

L’azione disinfettante è dovuta alla capacità ossidante dell’acqua ossigenata, che denatura le proteine, ma anche alla formazione delle bollicine di ossigeno che agiscono meccanicamente rimuovendo sporco e impurità dall’interno della ferita.

acqua ossigenata barattolo
ACQUA OSSIGENATA, SALMONELLA E ESCHERICHIA COLI – Secondo alcuni studi del Virginia Polytechnic Institute degli Stati Uniti, l’acqua ossigenata è molto efficace per eliminare la Salmonella e Escherichia coli, con risultati di gran lunga efficaci rispetto all’uso della candeggina e di vari detersivi.
catalasi
ACQUA OSSIGENATA, PERCHÉ SI SPRIGIONANO LE BOLLICINE – Le bollicine che si formano al momento del contatto nascono per via dell’enzima catalasi che scinde la composizione del preparato liberando l’ossigeno.

 

taglio dita
ACQUA OSSIGENATA CONTRO IL TETANO – L’acqua ossigenata è indispensabile per disinfettare ferite con presenza di Clostridium Tetani (che causa Tetano). Ogni ferita dovrebbe essere trattata con acqua ossigenata.

 

Altri usi

colore capelli
DECOLORANTE PER CAPELLI – In soluzione acquosa fino al 15% l’acqua ossigenata viene usata come decolorante o per schiarire i capelli.

 

denti sorriso
SBIANCANTE – L’acqua ossigenata è usata al 35% in odontoiatria come sbiancante.

 

carta
ACQUA OSSIGENATA E ECOLOGIA – L’acqua ossigenata può essere usata sia come ossidante che riducente, producendo come scarto ossigeno o acqua, dunque in modo completamente ecologico. A questo scopo viene utilizzata in ambito industriale, per esempio per sbiancare la carta al posto del cloro, che ha un impatto ambientale decisamente più pesante.

Precauzioni da adottare nell’uso dell’acqua ossigenata

L’acqua ossigenata è molto utile e ha molte caratteristiche positive, ma questo non significa che se ne debba abusare: può infatti avere effetti notevoli  effetti collaterali se utilizzata senza una certa attenzione.

Ecco alcune precauzioni nell’uso dell’acqua ossigenata:

  • Utilizzate sempre guanti di gomma, grembiuli e occhiali protettivi se dovete utilizzare acqua ossigenata ad alta concentrazione (sopra i 12 volumi)
  • Non abusatene: l’organismo ha un delicato equilibrio, un’eccessiva disinfezione può essere controproducente.
  • E’ necessario evitare che l’acqua ossigenata entri a contatto con la pelle delicata e con gli occhi.
  • L’acqua ossigenata non va ingerita per nessun motivo.
https://i2.wp.com/blog.bimbonaturale.org/wp-content/uploads/2016/01/disinfettare-ferita.jpg?fit=500%2C334https://i2.wp.com/blog.bimbonaturale.org/wp-content/uploads/2016/01/disinfettare-ferita.jpg?resize=150%2C150Redazione BimbonaturaleRimedi naturaliSliderecologia,rimedi naturaliL'acqua ossigenata dovrebbe essere presente in tutte le case e da preferire, soprattutto in presenza di bambini, a qualsiasi altro prodotto disinfettante. Scopriamo insieme cos'è l'acqua ossigenata e qual è il suo uso come disinfettante. Cos'è l' acqua ossigenata L'acqua ossigenata che tutti conosciamo e abbiamo in casa chimicamente porta il nome di...