bambino lettoAnche nei bambini a cui il togliere il pannolino non ha dato particolare problemi può capitare di bagnare il letto di notte, anche per anni.

Questo perché la notte è un momento di “riparazione” di ciò che avviene durante il giorno e le nostre “barriere psichiche” sono meno attive.

Il bambino insomma riesce a contenersi di giorno, ma di notte tira fuori ciò che di giorno non riesce a esprimere.

Togliere il pannolino anche alla notte

Secondo alcuni esperti sarebbe indicato togliere il pannolino il giorno e la notte alo stesso tempo, quando si leva il pannolino lo si fa in generale.

Secondo altri è più indicato cominciare a togliere il pannolino di giorno e aspettare a toglierlo di notte.

In linea di massima se il bambino toglie il pannolino di giorno da molto piccolo (sotto i 2 anni) allora sarà difficile che durante il sonno notturno si svegli per fare pipì, se invece il bambino toglie il pannolino intorno ai 3 anni sarà possibile toglierlo  sia di giorno che di notte.

Come togliere il pannolino, leggi il nostro articolo

Come fare in pratica

Quando il bambino è capace di stare senza pannolino si può tentare di toglierlo anche durante il sonno. E’ possibile cominciare a valutare se durante il sonnellino pomeridiano riesce a non bagnarsi prima di lasciarlo senza pannolino anche per tutta la notte.

Si può partire, così come per togliere il pannolino di giorno, con una fase intermedia, lasciando al bambino il pannolino lavabile o pannolino trainer per poi arrivare gradualmente a togliere tutto. Solitamente i bambini abituati già da neonati con i pannolini lavabili riescono a togliere il pannolino molto prima rispetto ai bambini abituati al pannolino asciutto.

Per evitare di doversi alzare di notte e cambiare tutto il letto è essenziale proteggere il materasso con un salva materasso, meglio non una cerata di plastica ma un telo traspirante. Inoltre tenete vicino al letto del bimbo un pigiamino di scorta, teli o salviette o coperte che potrebbero servirvi.

Preparate 2 strati di letto, per esempio: copri-materasso, lenzuolo sotto, copri-materasso impermeabile, altro lenzuolo sotto e lenzuolo sopra. In questo modo, se il bimbo bagna il letto, in poche mosse potrete disfare il primo strato di letto e troverete il letto sotto già pronto. Eviterete di dover accendere la luce e cercare le lenzuola e in pochi secondi tornerete a dormire come prima, senza quasi accorgervene.

Alcuni suggerimenti

  • Evitare di far assumere liquidi al bambino dopo le ore 17/18
  • Ricordarsi di far fare pipì prima di andare a nanna
  • Se il bimbo si bagna durante la notte se non si sveglia lasciatelo dormire, non chiamatelo, non sgridatelo e non fatelo sentire in colpa.
  • Rassicurare il bambino più grandicello, se ve lo richiede, per es: “anche io da piccolo bagnavo il letto e tanti bambini lo fanno, non ti preoccupare, vedrai che ti abituerai presto!”
Da un punto di vista psicosomatico il bambino che bagna il letto potrebbe avere bisogno di un suo spazio fisico e mentale, oppure non riesce a gestire ed esprimere le sue emozioni, in questo caso è molto utile il massaggio infantile come strumento di conoscenza del proprio corpo e delle proprie emozioni.
Libri consigliati

Pannolino addio!
Il metodo naturale e senza lacrime
Mai più pipì a letto
Come affrontare serenamente e con successo questo problema così comune

Prodotti utili

Mutandina Trainers Large 12-14 Kg
WC per bambini
Il mio amico Potty Vasino
Traversa lettino

https://i1.wp.com/blog.bimbonaturale.org/wp-content/uploads/2015/07/bambino-letto.jpg?fit=740%2C492https://i1.wp.com/blog.bimbonaturale.org/wp-content/uploads/2015/07/bambino-letto.jpg?resize=150%2C150Redazione BimbonaturalePedagogia olisticainfanziaAnche nei bambini a cui il togliere il pannolino non ha dato particolare problemi può capitare di bagnare il letto di notte, anche per anni. Questo perché la notte è un momento di “riparazione” di ciò che avviene durante il giorno e le nostre “barriere psichiche” sono meno attive. Il bambino...